Devozioni: utilità e le grazie della novena

1. A che serve la pia pratica delle novene. Il nostro ardore di fede s’intiepidisce sovente; abbiamo bisogno di qualcosa che ci aiuti a scuotere il nostro torpore, a ritrovare il sentiero smarrito della virtù, a persuaderci che noi pure possiamo divenire santi A ciò mirano le novene. Se le segui con fervore, dopo non ti trovi meglio? Di’; voglio esser santo, e gran santo.

2. Come passare le novene. Ogni Santo ha una virtù particolare che spicca sulle altre, e di cui tu manchi; ogni Santo riuscì tale perché volle esserlo e si vinse, si mortificò, pregò; ogni Santo è un protettore che abbiamo in cielo… Nelle novene prega, mortificati, infervorati,.. S. Francesco di Sales invita ad attendervi senza caricarsi di troppe cose, ma compiendo tutti i nostri doveri con una esattezza minuziosa. E tu come le passi? Che fai di più del solito?

3. Cerchiamo un vantaggio particolare per noi. È bene pregare, ma è anche meglio praticare le virtù: meditiamo queste nelle novene, fissandoci su quella di cui ci troviamo mancanti; questa pratichiamo in tutti i giorni, supplicando il Santo con frequenti giaculatorie di amarci. Oggi, cominciando la novena del beato Sebastiano Valfrè, pensiamo di che virtù abbisognarne, e disponiamoci a trascorrerla nel modo meditato.

PRATICA. — Recita tre Pater, Ave e Gloria al Beato, e proponi di praticare la virtù che ti sei prefisso

Articoli correlati