Lite per un parcheggio ucciso con una pugnalata sul petto

Ucciso con una pugnalata al petto per difendere sua figlia durante una lite per un parcheggio. È morto così Maurizio Cerrato, 61enne di Torre Annunziata. L’aggressione nella serata di ieri, lunedì 19 aprile, poco dopo le ore 21, nel piazzale privato in via IV novembre. È caccia all’aggressore, che si è dato alla fuga. Il sindaco proclama lutto cittadino.

Era arrivato chiamato dalla figlia Maria Adriana che aveva trovato le ruote dell’auto squarciate. Poi aggredito da un branco di cinque persone.

I Carabinieri hanno acquisito le immagini dei sistemi di videosorveglianza. Indagini in corso per chiarire la dinamica del fatto e rintracciare chi ha colpito il 61enne.

Lite per un parcheggio: la dinamica

Ancora da chiarire la dinamica dell’accaduto. Secondo le prime ricostruzioni, la figlia di Maurizio stava discutendo animatamente con un altra persona per una questione legata al parcheggio della macchina nel piazzale privato di via IV Novembre a Torre Annunziata

La figlia della vittima su Facebook ha dato la seguente versione: “Ci tengo a precisare che non è corretto dire che mio padre è morto in una lite, a mio padre è stato fatto un agguato in piena regola, solo per difendere me, che ero la luce dei suoi occhi. Mio padre è stato pugnalato e con questa gente non aveva mai avuto a che fare”. Preghiamo per questo uomo ucciso e per la sua famiglia.

Ragazza violentata : il papà la condanna “Mia figlia era ubriaca”

Ragazza violentata : il papà la condanna “Mia figlia era ubriaca”

Elena Gioia ha ucciso il padre con sette coltellate

Elena Gioia ha ucciso il padre con sette coltellate

Fine delle offerte nel piatto in chiesa

Fine delle offerte nel piatto in chiesa

Sgozzata dal marito insieme al cane

Sgozzata dal marito insieme al cane

Aldo Moro il santo della politica

Aldo Moro il santo della politica

Lite per un parcheggio ucciso con una pugnalata sul petto

Lite per un parcheggio ucciso con una pugnalata sul petto

Ancora abusi sessuali in Vaticano la polizia indaga

Ancora abusi sessuali in Vaticano la polizia indaga