Omelia No Vax, prete criticato dai fedeli che lasciano la Chiesa

Durante l’omelia della messa di fine anno, nel pomeriggio di venerdì 31 dicembre, ha criticato i vaccini e la linea adottata dal governo per contrastare la pandemia. E’ successo a Casorate Primo, un comune pavese al confine con la provincia di Milano, la cui parrocchia di San Vittore Martire fa parte dell’arcidiocesi milanese.

Le parole del parroco, don Tarcisio Colombo, hanno suscitato la reazione di diversi fedeli, che si sono alzati dal loro posto lasciando la chiesa. A darne notizia p oggi il quotidiano “La Provincia pavese”.

Il caso è già stato segnalato alla Curia di Milano. Don Tarcisio si è difeso dalle critiche: “Nella vita – ha affermato – bisogna sapere ascoltare anche chi ha un’opinione diversa dalla propria. Se in questa fase storica si dice qualcosa di diverso sulla pandemia rispetto al sentire comune si viene additati come ‘no vax'”.

Il sacerdote non ha voluto dire se si sia vaccinato contro il Covid-19: “A questa domanda rispondo solo ai medici, sulle questioni personali di salute non c’è bisogno di dare risposte a persone che non siano dottori”.

La nota della Diocesi di Milano

La Diocesi di Milano ha una posizione netta e chiara, espressa da sempre, a favore dei vaccini, del green pass e della politica del Governo per contrastare il Coronavirus: è quanto sottolinea l’ufficio comunicazione.

Il vicario di zona, monsignor Michele Elli, è in contatto – è stato spiegato – con il prete per capire cosa sia davvero avvenuto e quali fossero i contenuti dell’omelia. Se cioé si possa essere determinato un fraintendimento.

E’ stato ricordato che dall’inizio della pandemia diverse parrocchie hanno messo a disposizione spazi per procedere alle vaccinazioni e in alcune sono state allestite strutture diventate dei veri hub vaccinali che hanno potuto inoculare i vaccini a migliaia di persone.

Inoltre più volte l’arcivescovo Mario Delpini ha visitato questi luoghi e diversi altri centri vaccinali per incoraggiare i volontari e i medici per il loro lavoro e dare la sua benedizione. La Diocesi inoltre sottolinea che a settembre il vicario generale, monsignor Franco Agnesi, ha emanato un decreto sulle misure di contrasto alla pandemia in cui veniva spiegato che “la cura per la salvezza delle anime non può prescindere dall’impegno di tutelare la salute dei corpi” e in cui si indicava di vaccinarsi e sono state date disposizioni ai sacerdoti e agli operatori pastorali laici in tal senso.

Suor André Randon, la più anziana del mondo, ha sopravvissuto a 2 pandemie

Suor André Randon, la più anziana del mondo, ha sopravvissuto a 2 pandemie

Ucraina, l'appello dell'arcivescovo Gudziak: "Non facciamo scoppiare la guerra"

Ucraina, l'appello dell'arcivescovo Gudziak: "Non facciamo scoppiare la guerra"

Morto don Simone Vassalli per un malore, aveva 39 anni

Morto don Simone Vassalli per un malore, aveva 39 anni

Fu Santa Teresa de Avila a inventare le patatine fritte? È vero?

Fu Santa Teresa de Avila a inventare le patatine fritte? È vero?

Sanremo 2022, vescovo contro Achille Lauro e il suo 'autobattesimo'

Sanremo 2022, vescovo contro Achille Lauro e il suo 'autobattesimo'

Sacerdote di 40 anni ucciso mentre confessava

Sacerdote di 40 anni ucciso mentre confessava

'Lucifero' è il nome che una madre ha dato ad un figlio 'miracoloso'

'Lucifero' è il nome che una madre ha dato ad un figlio 'miracoloso'