Papa Francesco: rifiutare la generosità di Dio è un peccato

Nella vita, i cristiani affrontano la scelta di essere aperti all’incontro con la generosità di Dio o chiusi nei propri interessi, ha detto Papa Francesco.

Il banchetto a cui Gesù spesso fa riferimento nelle sue parabole “è un’immagine del cielo, dell’eternità con il Signore”, ha detto il Papa il 5 novembre nella sua omelia durante la Messa mattutina alla Domus Sanctae Marthae.

Tuttavia, ha aggiunto, “di fronte a quella gratuità, l’universalità della festa, c’è quell’atteggiamento che chiude il cuore:” Non vado. Preferisco stare da solo (o) con le persone che mi piacciono. Chiuso “. “

“Questo è il peccato, il peccato del popolo di Israele, il nostro peccato. Essere chiusi”, ha detto il papa.

La lettura del Vangelo di San Luca del giorno raccontava che Gesù raccontava la parabola di un uomo ricco il cui invito a un grande banchetto fu rifiutato da coloro che invitava.

Irritato dal loro rifiuto, l’uomo invece comanda ai suoi servi di invitare “i poveri, i paralizzati, i ciechi e gli zoppi” assicurando che “nessuno di quelli che sono stati invitati avrà un assaggio del mio banchetto”.

Quegli ospiti che “dicono al Signore, ‘Non disturbarmi con la tua festa”, “spiegò Francesco, si chiudono” a ciò che il Signore ci offre: la gioia dell’incontro con lui “.

Per questo motivo, ha detto, Gesù afferma che “è molto difficile per un uomo ricco entrare nel regno dei cieli”.

“Ci sono buoni ricchi, santi, che non sono attaccati alla ricchezza”, ha detto il papa. “Ma la maggioranza è attaccata alla ricchezza, chiusa. Ed è per questo che non riescono a capire quale sia la festa. Hanno la sicurezza delle cose che possono toccare.”

Mentre altri possono rifiutare di incontrare Dio perché non si sentono degni, Francesco disse alla tavola del Signore, “tutti sono invitati”, specialmente quelli che pensano di essere “cattivi”.

“Il Signore ti aspetta in modo speciale perché sei cattivo”, ha detto il papa.

“Riflettiamo sulla parabola che il Signore ci dà oggi. Come va la nostra vita? Cosa preferisco? Accetto sempre l’invito del Signore o mi chiudo nelle cose, nelle mie piccole cose?” chiese. “E chiediamo al Signore la grazia di accettare sempre di andare alla sua festa, che è gratuita.”

Articoli correlati