“Le profezie bibliche sulla fine dei tempi su Israele sono interpretate male”

Secondo un esperto di profezie su Israele, si starebbe sbagliano l’approccio “al ruolo che la Terra Santa gioca nelle storie bibliche che si stanno per adempiere”.

Amir Tsarfati è uno scrittore, veterano militare israeliano ed ex vice governatore di Gerico, che ha intrapreso un viaggio letterario per spiegare alla gente quello che Israele rappresenta veramente in termini di profezie bibliche con il suo libro “Operazione Joktan“.

Oltre a dirigere un’organizzazione chiamata “Behold Israel“, ha spiegato in un’intervista che molto spesso le persone commettono errori nell’interpretazione delle profezie sul Paese.

“L’errore più grande è… che le persone non dividono la parola correttamente. Interpretano fuori contesto. Stanno sottolineando le cose sbagliate. Ignorano le cose importanti e sono restano delusi ed è proprio per questo che sembrano pazzi agli occhi del mondo e agli occhi degli altri cristiani “, ha detto in un podcast per Faithwire.

Tsarfati ha spiegato che il primo errore è nell’inclinazione di alcuni a interpretare le parole fuori contesto e di trarre conclusioni affrettate su ciò che è veramente annunciato nelle Scritture.

L’autore ha invitato le persone a concentrarsi su quello che i profeti dicevano nella Bibbia e meno su eventi naturali come “una luna rossa”. Ha anche espresso che le persone dovrebbero sentirsi piene di gioia per essere la generazione più benedetta dai tempi di Gesù Cristo perché hanno assistito all’adempimento di molte profezie.

“Siamo in realtà la generazione più benedetta dai tempi di Gesù Cristo. Ci sono più profezie che si stanno adempiendo nelle nostre vite rispetto a qualsiasi altra generazione”.

Allo stesso modo, lo scrittore consiglia che le persone non “debbano diventare sensazionali” per poter vendere libri su presunte profezie ma devono restare aggrappate alla parola di Dio.

La passione di Amir Tsarfati per difendere ciò che è scritto nella Bibbia deriva dalla sua stessa esperienza quando ha trovato Gesù leggendo il libro di Isaia. Lì ha appreso la verità e gli eventi che non solo erano già accaduti ma che stavano per accadere.

“Ho trovato Gesù attraverso i profeti dell’Antico Testamento… principalmente il profeta Isaia. Mi sono reso conto che i profeti di Israele non parlavano solo di eventi passati ma anche di eventi futuri. Mi è stato chiaro che sono più affidabili, autentici e precisi anche del giornale di oggi”, ha detto.

Avendo avuto problemi durante l’adolescenza per l’assenza dei genitori, Amir voleva porre fine alla sua vita ma i suoi amici gli hanno comunicato la parola di Dio e attraverso l’Antico e il Nuovo Testamento il Signore si è rivelato a lui.

“Volevo porre fine alla mia vita. Non avevo speranza e, attraverso tutto ciò, Dio si è davvero rivelato a me”, ha detto.

“Il fatto che molte delle profezie per il popolo d’Israele si stiano adempiendo rappresenta una grande gioia per noi che facciamo parte di questo tempo”.

Perché bisogna essere Cristiani? Ce lo dice San Giovanni

Perché bisogna essere Cristiani? Ce lo dice San Giovanni

"Le profezie bibliche sulla fine dei tempi su Israele sono interpretate male"

"Le profezie bibliche sulla fine dei tempi su Israele sono interpretate male"

A chi è dedicato il mese di gennaio?

A chi è dedicato il mese di gennaio?

I nostri cani vanno in Paradiso?

I nostri cani vanno in Paradiso?

7 Profezie della Bibbia sulla fine del mondo

7 Profezie della Bibbia sulla fine del mondo

Sei sotto attacco spirituale? Scopri se hai questi 4 segni

Sei sotto attacco spirituale? Scopri se hai questi 4 segni

Cos'è l'albero della vita nella Bibbia?

Cos'è l'albero della vita nella Bibbia?