San Giuseppe: rifletti, oggi, sulla sua vita quotidiana ordinaria e “insignificante”

L’8 dicembre 2020, Papa Francesco ha annunciato l’inizio della celebrazione universale dell ‘”Anno di San Giuseppe”, che si concluderà l’8 dicembre 2021. Ha introdotto quest’anno con una Lettera Apostolica dal titolo “Con il cuore di un padre”. Nell’introduzione a quella lettera, il Santo Padre ha detto: “Ognuno di noi può scoprire in Giuseppe – l’uomo che passa inosservato, una presenza quotidiana, discreta e nascosta – un intercessore, un sostegno e una guida nei momenti di difficoltà”.

Gesù è venuto al suo luogo natale e ha insegnato alla gente nella loro sinagoga. Rimasero sbalorditi e dissero: “Da dove ha preso quest’uomo tanta saggezza e azioni potenti? Non è il figlio del falegname? Matteo 13: 54–55

Il Vangelo sopra, tratto dalle letture di questo memoriale, indica il fatto che Gesù era “il figlio del falegname”. Joseph era un operaio. Ha lavorato con le sue mani come falegname per provvedere alle necessità quotidiane della Beata Vergine Maria e del Figlio di Dio. Fornì loro una casa, cibo e le altre necessità quotidiane della vita. Giuseppe li proteggeva anche entrambi seguendo i vari messaggi dell’angelo di Dio che gli parlava nei suoi sogni. Joseph adempì i suoi doveri nella vita in modo silenzioso e nascosto, servendo nel suo ruolo di padre, coniuge e lavoratore.

Sebbene Giuseppe sia universalmente riconosciuto e onorato oggi nella nostra Chiesa e anche come figura storica di spicco del mondo, durante la sua vita sarebbe stato un uomo che è rimasto in gran parte inosservato. Sarebbe stato visto come un uomo normale che faceva il suo dovere ordinario. Ma per molti versi, questo è ciò che rende San Giuseppe un uomo ideale da imitare e una fonte di ispirazione. Pochissime persone sono chiamate a servire gli altri sotto i riflettori. Pochissime persone vengono elogiate pubblicamente per i loro doveri quotidiani. I genitori, in particolare, sono spesso molto poco apprezzati. Per questo motivo, la vita di San Giuseppe, questa vita umile e nascosta vissuta a Nazareth, fornisce alla maggior parte delle persone l’ispirazione per la propria vita quotidiana.

Se la tua vita è un po ‘monotona, nascosta, non apprezzata dalle masse, noiosa e persino noiosa a volte, cerca l’ispirazione in San Giuseppe. Il memoriale di oggi onora in particolare Joseph come un uomo che ha lavorato. E il suo lavoro era abbastanza normale. Ma la santità si trova soprattutto nelle parti ordinarie della nostra vita quotidiana. Scegliere di servire, giorno dopo giorno, con pochi o nessun riconoscimento terreno, è un servizio d’amore, un’imitazione della vita di San Giuseppe e una fonte della propria santità nella vita. Non sottovalutare l’importanza di servire in questi e altri modi ordinari e nascosti.

Rifletti, oggi, sulla vita quotidiana ordinaria e “insignificante” di san Giuseppe. Se scopri che la tua vita è simile a quella che avrebbe vissuto lui come lavoratore, coniuge e padre, allora rallegrati di questo fatto. Rallegrati del fatto che anche tu sei chiamato a una vita di straordinaria santità attraverso i doveri ordinari della vita quotidiana. Falli bene. Falli con amore. E fatele ispirandovi a San Giuseppe e alla sua sposa, la Beata Vergine Maria, che avrebbero partecipato a questa ordinaria vita quotidiana. Sappi che ciò che fai ogni giorno, quando è fatto per amore e servizio agli altri, è per te la via più sicura verso la santità della vita. Preghiamo San Giuseppe lavoratore.

Preghiera: Mio Gesù, Figlio del falegname, ti ringrazio per il dono e l’ispirazione del tuo padre terreno, san Giuseppe. Ti ringrazio per la sua vita ordinaria vissuta con grande amore e responsabilità. Aiutami a imitare la sua vita adempiendo bene i miei doveri quotidiani di lavoro e servizio. Possa io riconoscere nella vita di san Giuseppe un modello ideale per la mia santità di vita. San Giuseppe Lavoratore, prega per noi. Gesù io credo in te.

Cos'è l'Avvento? Da dove deriva la parola? Come si compone?

Cos'è l'Avvento? Da dove deriva la parola? Come si compone?

Come un Cristiano deve rispondere all'odio e al terrorismo

Come un Cristiano deve rispondere all'odio e al terrorismo

Perché il Rosario è un'arma potente contro Satana?

Perché il Rosario è un'arma potente contro Satana?

Cosa vuole Dio da noi? Fare bene le piccole cose... che significa?

Cosa vuole Dio da noi? Fare bene le piccole cose... che significa?

4 Verità che ogni Cristiano non deve mai dimenticare

4 Verità che ogni Cristiano non deve mai dimenticare

2 novembre, commemorazione dei defunti, origini e preghiere

2 novembre, commemorazione dei defunti, origini e preghiere

"I demoni hanno sempre paura", il racconto di un esorcista

"I demoni hanno sempre paura", il racconto di un esorcista