Lacrime sul volto di Gesù a Torino

L’8 Dicembre, mentre alcuni fedeli recitavano il Rosario nella Solennità dell’Immacolata, accade un fatto assolutamente fuori dall’ordinario. Durante la preghiera, all’interno del Parco naturale di Stupinigi di Nichelino, la statua del Salvatore, dedicata al Sacro Cuore di Gesù, ha cominciato a lacrimare, per ben 4 volte.

Dio
credit:photo web source: Spirito di Verità TV

La scena è stata ripresa dai cellulari e pubblicata sul web. La statua, soprannominata Cristo Piangente è stata trasportata all’Arcivescovado di Torino per essere analizzata. Al momento la statua si trova ancora lì, in attesa di essere analizzata e sottoposta a un costante monitoraggio.

Per ora non si hanno risposte e rimane ancora tutto avvolto dal mistero.

Una nuova statua di Gesù a Stupinigi

Al posto della statua portata via, una famiglia che ha preferito rimanere nell’anonimato, ha donato un’altra statua all’associazione “Luce dell’Aurora”.

L’opera donata è molto simile alla precedente. Il suo autore è uno artigiano di Napoli che dopo aver riconosciuto la statua sottoposta agli accertamenti, come un’opera prodotta vent’anni fa dalla sua azienda, ha deciso di riproporne una praticamente identica.

Cristo piangente

La nuova statua è stata accolta con gioia dai fedeli che ogni fine settimana si ritrovano al parco a pregare.

La questione se le lacrime sul volto del Sacro Volto di Gesù siano reali o meno rimane ancora un mistero. Tuttavia, ci sono molte teorie e spiegazioni che cercano di spiegare il fenomeno. Alcuni credono che le lacrime siano il risultato di una reazione chimica, mentre altri credono che siano il risultato di un miracolo divino.

Indipendentemente dalle spiegazioni scientifiche o teologiche, il Sacro Volto di Gesù e le sue lacrime continuano a ispirare la devozione e la contemplazione in molte persone in tutto il mondo. Molti credono che il volto del Cristo sia un simbolo del suo amore incondizionato per tutti gli esseri umani, indipendentemente dalla loro fede o credenze.

Articoli correlati