uomo muore in ginocchio

Un uomo muore in ginocchio davanti all’altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio: una chiesa a Città del Messico è stata la scena domenica della morte di Juan, un uomo sulla sessantina. Che si è inginocchiato per pregare a l’ingresso della chiesa, risalì la navata principale ancora in ginocchio, svenne e morì in pochi minuti davanti all’altare.

Lo stesso pomeriggio il parroco ha celebrato la messa funebre di Juan accompagnato da diversi parrocchiani.

Il rapporto ufficiale afferma che Juan entrò nella chiesa parrocchiale di Gesù Sacerdote. Intorno a mezzogiorno del 21 febbraio, e morì poco dopo in ginocchio davanti all’altare, circa 45 minuti prima dell’inizio della messa pomeridiana.

Il sacrestano, che ha assistito al crollo dell’uomo, ha prontamente informato il parroco, p. Sajid Lozano, che ha chiamato un’ambulanza, ma “c’erano diversi segnali che indicavano che non potevamo più fare perché era già morto”, ha detto il sacerdote.

Lozano ha detto che “Juan è venuto con le sue gambe alla sua Messa funebre. Il suo corpo presente lì, che è la morte dei giusti, una morte senza sofferenza”. “Juan ha avuto la forza e il coraggio di venire alla casa di Dio per prendere il suo ultimo respiro”, ha aggiunto.

Muore in ginocchio in Chiesa

Secondo la rivista Desde la Fe, una pubblicazione dell’arcidiocesi di Città del Messico, pochissime persone conoscevano Juan. Commosse dal modo in cui morì, molti parteciparono alla Messa funebre.

Polizia e paramedici “ci hanno detto che la morte era avvenuta a causa di un improvviso infarto e che non c’erano segni di violenza”. Ha detto il sacerdote alla rivista arcidiocesana. Le autorità hanno anche dato al sacerdote il permesso di andare avanti con la messa. Gli hanno suggerito di trovare uno dei parenti di Juan.

Un uomo muore in ginocchio: la legge messicana afferma che quando una persona muore al di fuori di un ospedale. Il corpo non può essere rimosso fino a quando il medico legale e il pubblico ministero locale non vengono a esaminare. Il corpo per verificare che non vi sia stato alcun gioco scorretto.

Di conseguenza, il corpo di Juan doveva essere lasciato proprio dove era morto. Poiché la messa domenicale doveva iniziare poco alle 13:00, Lozano ha preso la decisione improvvisa di farne la messa funebre per il defunto.

Un giovane che stava passando vicino alla chiesa ha potuto identificare il corpo e poi ha accompagnato le autorità alla residenza della famiglia. Il figlio del defunto era a casa e, sconvolto dalla notizia, si è recato in chiesa per partecipare alla messa funebre.

In segno di rispetto, il corpo di Juan è stato coperto da un lenzuolo bianco. Portato da uno dei fedeli e ai suoi piedi è stata posta una candela.

Il pastore ha detto a Desde la Fe che i fedeli “pregavano per una persona che non conoscevano, ma che era un membro della comunità”.

La drammatica svolta degli eventi “ha avuto un grande impatto sulla gente”, sorpreso da quanto era accaduto. “Insieme abbiamo riflettuto che la morte è solo la fine del nostro pellegrinaggio in questo mondo, ma l’inizio della vita eterna”, ha concluso.

Papa Francesco, le sue belle parole per il Festival dei Giovani a Medjugorje

Papa Francesco, le sue belle parole per il Festival dei Giovani a Medjugorje

"Non credono nella Bibbia" e brucia la casa dove vive con la madre e il fratello

"Non credono nella Bibbia" e brucia la casa dove vive con la madre e il fratello

Forte terremoto scuote la chiesa durante la Messa e danneggia la Cattedrale (VIDEO)

Forte terremoto scuote la chiesa durante la Messa e danneggia la Cattedrale (VIDEO)

Papa emerito Benedetto XVI rompe il silenzio, dura critica

Papa emerito Benedetto XVI rompe il silenzio, dura critica

Vuole accogliere Gesù nel suo cuore ma il marito la caccia di casa

Vuole accogliere Gesù nel suo cuore ma il marito la caccia di casa

Palla di fuoco illumina il cielo della Norvegia (VIDEO)

Palla di fuoco illumina il cielo della Norvegia (VIDEO)

"Chi non è vaccinato, non venga in chiesa", così don Pasquale Giordano

"Chi non è vaccinato, non venga in chiesa", così don Pasquale Giordano