Papa Francesco: le ipocrisie dei propri interessi distruggono la Chiesa

 

I cristiani che si concentrano maggiormente sull’essere superficialmente vicini alla chiesa piuttosto che prendersi cura dei loro fratelli e sorelle sono come i turisti che vagano senza meta, ha detto Papa Francesco.

Le persone “che sono sempre di passaggio ma non entrano mai nella chiesa” in un modo totalmente comune di condivisione e cura si impegnano in una sorta di “turismo spirituale che li fa credere di essere cristiani ma invece sono solo turisti di catacombe”, ha detto il papa Aug 21 durante il suo pubblico generale settimanale.

“Una vita basata solo sul trarre profitto e sfruttare le situazioni a danno degli altri provoca inevitabilmente la morte interiore”, ha detto. “E quante persone dicono di essere vicine alla chiesa, amici di sacerdoti e vescovi cercano solo i propri interessi. Queste sono le ipocrisie che distruggono la chiesa.”

Durante l’udienza, Clelia Manfellotti, una bambina di 10 anni di Napoli con diagnosi di autismo, salì i gradini fino a dove era seduto il papa.

Il papa ha detto ai suoi dettagli di sicurezza di “lasciarla stare. Dio parla” attraverso i bambini, spingendo la folla a scoppiare in un applauso. Mentre saluta i pellegrini di lingua italiana alla fine del pubblico, Francis ha riflettuto sulla ragazza che è “vittima di una malattia e non sa cosa sta facendo”.

“Chiedo una cosa, ma tutti dovrebbero rispondere nel loro cuore: ‘Ho pregato per lei; guardandola, ho pregato affinché il Signore la guarisse, la proteggesse? Ho pregato per i suoi genitori e per la famiglia? ‘ Quando vediamo qualcuno soffrire, dobbiamo sempre pregare. Questa situazione ci aiuta a porre questa domanda: ‘Ho pregato per questa persona che ho visto, (questa persona) che sta soffrendo?’ “, Ha chiesto.

Nella sua catechesi, il papa ha continuato la sua serie di discorsi sugli Atti degli Apostoli, riflettendo sulla condivisione dei beni tra le prime comunità cristiane.

Mentre condividevano la preghiera e l’Eucaristia univa i credenti “in un cuore e in un’anima”, il papa disse che la condivisione dei beni aiutava i primi cristiani a prendersi cura gli uni degli altri e “teneva lontano il flagello della povertà”.

“In questo modo, ‘koinonia’, o comunione, diventa il nuovo modo di relazionarsi tra i discepoli del Signore. Il legame con Cristo stabilisce un legame tra fratelli e sorelle che converge e si esprime anche nella comunione dei beni materiali. Essere i membri del Corpo di Cristo rendono i credenti responsabili l’uno dell’altro “, ha spiegato il papa.

Tuttavia, il papa ha anche ricordato l’esempio di Anania e di sua moglie Saffira, due membri della chiesa paleocristiana che improvvisamente morirono dopo che fu rivelato che avevano trattenuto una parte del profitto dalla vendita della loro terra dagli apostoli e dalla comunità cristiana.

Francesco spiegò che la coppia condannata “mentiva a Dio a causa di una coscienza isolata, una coscienza ipocrita” che si basava su una “appartenenza parziale e opportunistica” alla chiesa.

“L’ipocrisia è il peggior nemico di questa comunità cristiana, di questo amore cristiano: quel modo di fingere di amarsi l’un l’altro ma solo di cercare il proprio interesse”, ha detto. “In effetti, fallire nella sincerità della condivisione o fallire nella sincerità dell’amore significa coltivare l’ipocrisia, distanziarsi dalla verità, diventare egoisti, estinguere il fuoco della comunione e destinarsi al freddo interiore Morte.”

Prima di concludere il suo discorso, il papa ha pregato che Dio “riversasse il suo spirito di tenerezza e facesse circolare quella verità che nutre la solidarietà cristiana”.

La condivisione dei beni, ha detto Francis, è “lungi dall’essere un’attività di assistenza sociale”, ma piuttosto “l’espressione indispensabile della natura della chiesa, la tenera madre di tutti, specialmente i più poveri”.

La perfezione dell'amore, meditazione del giorno

La perfezione dell'amore, meditazione del giorno

Maltrattamenti: come guarire dalle conseguenze

Maltrattamenti: come guarire dalle conseguenze

Oltre il perdono, meditazione del giorno

Oltre il perdono, meditazione del giorno

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?

Meditazione del giorno: pregare per la volontà di Dio

Meditazione del giorno: pregare per la volontà di Dio

Meditazione del giorno: l'unico vero segno della croce

Meditazione del giorno: l'unico vero segno della croce

Meditazione del giorno: l'amore profondo scaccia la paura

Meditazione del giorno: l'amore profondo scaccia la paura