Papa Francesco: i cristiani devono servire Gesù nei poveri

In un momento in cui “situazioni di ingiustizia e dolore umano” sembrano crescere in tutto il mondo, i cristiani sono chiamati ad “accompagnare le vittime, a vedere in faccia il volto del nostro Signore crocifisso”, ha detto Papa Francesco.

Il papa ha parlato della chiamata del Vangelo a lavorare per la giustizia il 7 novembre quando ha incontrato circa 200 persone, gesuiti e loro collaboratori, in occasione del cinquantesimo anniversario del Segretariato per la giustizia sociale e l’ecologia dei gesuiti.

Elencando esempi di luoghi in cui i cattolici sono chiamati a lavorare per la giustizia e per la salvaguardia del creato, Francesco ha parlato di “una terza guerra mondiale combattuta a pezzi”, la tratta di esseri umani, le crescenti “espressioni di xenofobia e la ricerca egoistica di interessi nazionali, “e la disuguaglianza tra e all’interno delle nazioni, che sembrano” crescere senza trovare un rimedio “.

Poi c’è il fatto che “non abbiamo mai fatto così male e maltrattato la nostra casa comune come abbiamo fatto negli ultimi 200 anni”, ha detto, e che la distruzione ambientale colpisce soprattutto le persone più povere del mondo.

Sin dall’inizio, Sant’Ignazio di Loyola intendeva che la Compagnia di Gesù difendesse e diffondesse la fede e aiutasse i poveri, ha detto Francesco. Nel fondare il Segretariato per la giustizia sociale e l’ecologia 50 anni fa, p. Pedro Arrupe, allora superiore generale, “intendeva rafforzarlo”.

Il “contatto con il dolore umano” di Arrupe, ha detto il papa, lo ha convinto che Dio era vicino a coloro che soffrono e stava chiamando tutti i gesuiti per incorporare la ricerca di giustizia e pace nei loro ministeri.

Oggi, per Arrupe e per i cattolici, l’attenzione sui “scartati” della società e la lotta contro la “cultura usa e getta” devono nascere dalla preghiera e fortificarsi da essa, ha detto Francis. “P. Pedro ha sempre creduto che il servizio della fede e la promozione della giustizia non potessero essere separati: erano radicalmente uniti. Per lui, tutti i ministeri della società dovevano rispondere, allo stesso tempo, alla sfida di proclamare il fede e promozione della giustizia. Quella che fino ad allora era stata una commissione per alcuni gesuiti doveva diventare la preoccupazione di tutti “.

Visita EarthBeat , il nuovo progetto di rendicontazione di NCR che esplora il modo in cui i cattolici e altri gruppi di fede stanno intervenendo sulla crisi climatica.

Francesco disse che quando contemplava la nascita di Gesù, sant’Ignazio incoraggiava le persone a immaginare di essere lì come un umile servitore, aiutando la Sacra Famiglia nella povertà della stalla.

“Questa contemplazione attiva di Dio, escluso Dio, ci aiuta a scoprire la bellezza di ogni persona emarginata”, ha detto il papa. “Nei poveri, hai trovato un luogo privilegiato di incontro con Cristo. Questo è un dono prezioso nella vita del seguace di Gesù: ricevere il dono di incontrarlo tra le vittime e i poveri.”

Francesco incoraggiò i gesuiti e i loro collaboratori a continuare a vedere Gesù nei poveri e ad ascoltarli umilmente e servirli in ogni modo possibile.

“Il nostro mondo spezzato e diviso deve costruire ponti”, ha detto, in modo che le persone possano “scoprire almeno il bel volto di un fratello o una sorella in cui ci riconosciamo e la cui presenza, anche senza parole, richiede la nostra cura e la nostra solidarietà “.

Mentre la cura individuale per i poveri è essenziale, un cristiano non può trascurare i “mali sociali” strutturali che creano sofferenza e mantengono le persone povere, ha detto. “Da qui l’importanza del lento lavoro di trasformazione delle strutture attraverso la partecipazione al dialogo pubblico in cui vengono prese le decisioni”.

“Il nostro mondo ha bisogno di trasformazioni che proteggano la vita che è minacciata e difendono i più deboli”, ha detto. Il compito è enorme e può far disperare le persone.

Ma, ha detto il papa, i poveri stessi possono mostrare la strada. Spesso sono quelli che continuano a fidarsi, a sperare e ad organizzarsi per migliorare la propria vita e quella dei vicini.

Un apostolato sociale cattolico dovrebbe cercare di risolvere i problemi, ha detto Francis, ma soprattutto dovrebbe incoraggiare la speranza e promuovere “processi che aiutino le persone e le comunità a crescere, che li portino a essere consapevoli dei loro diritti, a usare le loro capacità e a creare il proprio futuro “.

Articoli correlati