Rifletti, oggi, su coloro a cui senti che Dio vuole che tu ti avvicini con il Vangelo

Gesù chiamò i Dodici e cominciò a mandarli fuori a due a due e diede loro autorità sugli spiriti impuri. Disse loro di non prendere nulla per il viaggio se non un bastone da passeggio: niente cibo, niente sacco, niente soldi alle cinture. Marco 6: 7–8

Perché Gesù avrebbe ordinato ai Dodici di andare a predicare con autorità ma di non portare nulla con loro durante il viaggio? La maggior parte delle persone che intraprende un viaggio si prepara in anticipo e si assicura di mettere in valigia ciò di cui ha bisogno. L’istruzione di Gesù non fu tanto una lezione su come fare affidamento sugli altri per i bisogni primari quanto una lezione sull’affidamento alla divina provvidenza per il loro ministero.

Il mondo materiale è buono in sé e per sé. Tutta la creazione è buona. Pertanto, non c’è niente di sbagliato nell’avere beni e usarli per il nostro bene e per il bene di coloro che sono stati affidati alle nostre cure. Ma ci sono momenti in cui Dio vuole che ci affidiamo più a Lui che a noi stessi. La storia sopra è una di quelle situazioni.

Istruendo i Dodici ad andare avanti nella loro missione senza portare i beni di prima necessità della vita, Gesù li stava aiutando a confidare non solo nella Sua provvidenza per quei bisogni fondamentali, ma anche a confidare che Egli avrebbe provveduto loro spiritualmente nella loro missione di predicazione, insegnamento e guarigione. Avevano una grande autorità e responsabilità spirituali e, per questo motivo, avevano bisogno di fare affidamento sulla provvidenza di Dio in misura molto maggiore rispetto ad altri. Quindi, Gesù li esorta a fidarsi di Lui per quanto riguarda i loro bisogni fondamentali in modo che siano anche disposti a fidarsi di Lui in questa nuova missione spirituale.

Lo stesso è vero nelle nostre vite. Quando Dio ci affida la missione di condividere il Vangelo con un altro, lo farà spesso in un modo che richiede grande fiducia da parte nostra. Ci invierà “a mani vuote”, per così dire, in modo che impareremo a fare affidamento sulla Sua guida gentile. Condividere il Vangelo con un’altra persona è un privilegio incredibile e dobbiamo renderci conto che avremo successo solo se ci affidiamo con tutto il cuore alla provvidenza di Dio.

Rifletti, oggi, su coloro a cui senti che Dio vuole che tu ti avvicini con il Vangelo. Come fai a fare questo? La risposta è abbastanza semplice. Lo fai solo affidandoti alla provvidenza di Dio. Esci con fede, ascolta la sua voce guida in ogni fase del cammino e sappi che la sua provvidenza è l’unico modo in cui il messaggio del Vangelo sarà effettivamente condiviso.

Mio fidato Signore, accetto la tua chiamata ad andare avanti e a condividere il tuo amore e la tua misericordia con gli altri. Aiutami a fare sempre affidamento su di te e sulla tua provvidenza per la mia missione nella vita. Usami come vuoi e aiutami a confidare nella tua mano guida per l’edificazione del tuo glorioso Regno sulla terra. Gesù io credo in te

Meditazione di oggi: consolazione per il peccatore pentito

Meditazione di oggi: consolazione per il peccatore pentito

Costruire il regno, meditazione del giorno

Costruire il regno, meditazione del giorno

La famiglia: quanto è importante oggi?

La famiglia: quanto è importante oggi?

Meditazione del giorno: un potente contrasto

Meditazione del giorno: un potente contrasto

Meditazione: di fronte alla croce con coraggio e amore

Meditazione: di fronte alla croce con coraggio e amore

Il suicidio: segnali d'allarme e prevenzione

Il suicidio: segnali d'allarme e prevenzione

La gratitudine: un gesto che cambia la vita

La gratitudine: un gesto che cambia la vita