Teorema sulla felicità

Caro amico dopo tante belle riflessioni che abbiamo fatto insieme fino ad adesso oggi ho il dovere di dirti una cosa fondamentale per la tua esistenza, in realtà per l’esistenza di ogni uomo.

Quando fin da piccoli siamo andati a scuola ci insegnavano molte cose, se ricordi anche tanti teoremi e teorie realizzate da grandi studiosi del passato. Caro amico nessuno, ne studioso ne insegnante ha avuto la briga di insegnarti la cosa più importante che dovevi sapere, che portavi con te per tutta la vita, quella stessa cosa che molti uomini forse finiscono la loro vita ma nemmeno la comprendono. Quello che parlo io, caro amico, non è una teoria fatta di numeri o regole, come ti hanno insegnato a scuola, quella che dico io è “il teorema della felicità”.

Molte persone si reputano infelici sai perchè? Hanno la felicità accanto e non la vedono.

Stai attento caro amico a porre la tua felicità in delle cose oppure in delle persone. Le cose finiscono, le persone deludono. Non porre la tua felicità nel lavoro, non porre la tua felicità nella famiglia. Apprezza per tutto quello che hai, ringrazia Dio ma quello che hai, possiedi non è la tua felicità.

La felicità caro amico, quella vera, consiste nel capire che sei stato creato da Dio e a Dio devi ritornare. Consiste nel capire la tua vocazione, la tua missione che Dio ti ha dato fin dalla nascita e seguirla. Consiste nel capire che sei figlio di Dio, hai un’anima, sei eterno e questo mondo e solo di passaggio ma ti attente la vita eterna.

Se vedi caro amico in quello in cui consiste la felicità e ti ho scritto tutto è basato sul rapporto e i doni di Dio. Si, caro amico, Dio ci ha creati, Dio compie la sua volontà, quindi porre la propria vita nelle mani di Dio e seguire le sue strade, le sue ispirazioni, il suo volere, questa è felicità. Poi devi capire che nella nostra vita nulla accade per caso ma tutto è legato a ciò che Dio vuole compiere e vuole che tu realizzi in base al tuo percorso di vita. Capisci bene le coincidenze non esistono nulla accade per caso.

Caro amico solo questo piccolo concetto volevo dirti senza prolungarmi tanto. Un piccolo concetto ma un grande insegnamento. Da adesso caro amico non far cambiare il tuo umore per il sorriso di una donna, per una promozione sul lavoro o perché il tuo conto in banca oscilla ma devi essere sempre felice perchè aldilà di queste cose che accadano e riaccadono di continuo nella tua vita non devi dimenticare che la felicità sei tu stesso per quello che sei e per quello che Dio ti ha creato e nulla che ti accade intorno deve incidere sul tuo essere felice.

Caro amico se vai all’inizio di questo scritto vedi che ti ho detto che molti uomini hanno la felicità accanto e non la vedono. Caro amico la felicità non è accanto a te ma dentro di te. La felicità sei tu stesso, figlio di Dio, creato per l’eterno, amato senza limiti e pieno di luce. Quella stessa luce che devi far brillare nel tuo quotidiano per rendere felici le persone che vivono accanto a te e far capire che la felicità non è una cosa astratta ma nella realtà sei tu stesso non quello che ti circonda.

Questa meditazione è stata scritta oggi Venerdì 17 per far capire che la superstizione non esiste mai siamo noi gli artefici del nostro destino, la nostra vita è legata a Dio e non giorni e numeri.

Scritto da Paolo Tescione

Articoli correlati