Udienza di papa Francesco: quando è necessario, non vergognarti di pregare

Pregare Dio nei momenti di gioia e di dolore è una cosa naturale, umana da fare perché collega uomini e donne al loro padre in cielo, ha detto Papa Francesco.

Anche se spesso le persone possono cercare le proprie soluzioni alle loro sofferenze e difficoltà, alla fine “non dovremmo essere scioccati se sentiamo il bisogno di pregare, non dovremmo vergognarci”, ha detto il papa il 9 dicembre durante la sua udienza generale settimanale.

“Non vergognarti di pregare: ‘Signore, ne ho bisogno. Signore, sono in difficoltà. Aiutami! ‘”Disse. Tali preghiere sono “il grido, il grido del cuore a Dio che è il padre”.

I cristiani, ha aggiunto, dovrebbero pregare “non solo nei momenti brutti, ma anche in quelli felici, per ringraziare Dio di tutto ciò che ci viene dato, e per non dare nulla per scontato o come se ci fosse dovuto: tutto è grazia . “

Durante l’udienza generale, trasmessa dalla biblioteca del Palazzo Apostolico in Vaticano, il papa ha continuato la sua serie di discorsi sulla preghiera e ha riflettuto sulle preghiere di petizione.

Le preghiere di petizione, incluso il “Padre nostro”, furono insegnate da Cristo “in modo che potessimo metterci in una relazione di fiducia filiale con Dio e porgli tutte le nostre domande”, ha detto.

Sebbene la preghiera includa implorare Dio per “i doni più alti”, come “la santificazione del suo nome tra le persone, l’avvento della sua signoria, la realizzazione della sua volontà per il bene in relazione al mondo”, include anche richieste di ordinaria i regali.

Nel “Padre nostro”, ha detto il Papa, “preghiamo anche per i doni più semplici, per la maggior parte dei doni quotidiani, come il“ pane quotidiano ”- che significa anche salute, casa, lavoro, cose di tutti i giorni; e significa anche per l’Eucaristia, necessaria per la vita in Cristo “.

I cristiani, ha proseguito il papa, “pregano anche per il perdono dei peccati, che è una questione quotidiana; abbiamo sempre bisogno di perdono e quindi di pace nelle nostre relazioni. E infine, affinché ci aiuti ad affrontare la tentazione e a liberarci dal male “.

Chiedere o supplicare Dio “è molto umano”, soprattutto quando qualcuno non riesce più a trattenere l’illusione che “non abbiamo bisogno di nulla, che siamo abbastanza per noi stessi e viviamo in totale autosufficienza”, ha spiegato.

“A volte sembra che tutto crolli, che la vita fin qui vissuta sia stata vana. E in queste situazioni, quando sembra che tutto stia andando in pezzi, c’è una sola via d’uscita: il grido, la preghiera: ‘Signore, aiutami!’ ”Ha detto il papa.

Le preghiere di petizione vanno di pari passo con l’accettazione dei propri limiti, ha detto, e mentre si può anche arrivare al punto di non credere in Dio, “è difficile non credere nella preghiera”.

La preghiera “esiste semplicemente; ci si presenta come un grido ”, ha detto. “E conosciamo tutti questa voce interiore che può rimanere in silenzio per molto tempo, ma un giorno si sveglia e grida.”

Papa Francesco ha incoraggiato i cristiani a pregare e non vergognarsi di esprimere i desideri dei loro cuori. Il tempo dell’Avvento, ha aggiunto, serve a ricordare che la preghiera è “sempre una questione di pazienza, sempre, di resistere all’attesa”.

“Ora siamo nel tempo dell’Avvento, un tempo che è tipicamente di attesa, di attesa del Natale. Siamo in attesa. Questo è chiaro da vedere. Ma tutta la nostra vita è anche in attesa. E la preghiera è sempre attesa, perché sappiamo che il Signore risponderà ”, ha detto il papa

Papa Francesco predica la tolleranza in visita a Ur in Iraq

Papa Francesco predica la tolleranza in visita a Ur in Iraq

Ivan Jurkovic: un sostegno alimentare nei paesi poveri

Ivan Jurkovic: un sostegno alimentare nei paesi poveri

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Famiglia indiana costretta a lasciare il villaggio

Famiglia indiana costretta a lasciare il villaggio