Cosa dice la Bibbia sul suicidio?


Alcune persone chiamano suicidio “omicidio” perché è la presa intenzionale della propria vita. Numerosi resoconti sul suicidio nella Bibbia ci aiutano a rispondere alle nostre difficili domande sull’argomento.

Domande che i cristiani pongono spesso sul suicidio
Dio perdona il suicidio o è il peccato imperdonabile ?
I cristiani che si suicidano vanno all’inferno ?
Ci sono casi di suicidio nella Bibbia?
7 persone hanno commesso suicidio nella Bibbia
Cominciamo guardando i sette racconti di suicidio nella Bibbia.

Abimelech ( Giudici 9:54 )

Dopo aver schiacciato il cranio sotto una macina che fu lasciata cadere da una donna della Torre di Sichem, Abimelech chiese al suo armatore di ucciderlo con una spada. Non voleva che dicesse che una donna lo aveva ucciso.

Sansone ( Giudici 16: 29-31 )

Crollando un edificio, Sansone sacrificò la propria vita, ma nel frattempo distrusse migliaia di filistei nemici.

Saul e la sua armatura ( 1 Samuele 31: 3-6 )

Dopo aver perso i suoi figli e tutte le sue truppe in battaglia e la sua sanità mentale molto prima, il re Saul , assistito dal suo portatore di armature, mise fine alla sua vita. Quindi il servo di Saul si uccise.

Ahithophel ( 2 Samuele 17:23 )

Disonorato e respinto da Absolom, Ahithophel tornò a casa, sistemò i suoi affari e si impiccò.

Zimri ( 1 Re 16:18 )

Invece di essere fatto prigioniero, Zimri incendiò il palazzo del re e morì tra le fiamme.

Giuda ( Matteo 27: 5 )

Dopo aver tradito Gesù, Giuda Iscariota fu sopraffatto dal rimorso e si impiccò.

In ognuno di questi casi, tranne quello di Sansone, il suicidio nella Bibbia è presentato in una luce sfavorevole. Erano uomini empi che agivano nella disperazione e nella disgrazia. Il caso di Sansone era diverso. E mentre la sua vita non era un modello di vita santa, Sansone fu onorato tra i fedeli eroi di Ebrei 11 . Alcuni considerano l’atto finale di Sansone come un esempio di martirio, una morte sacrificale che gli ha permesso di compiere la sua missione assegnata da Dio. In ogni caso, sappiamo che Sansone non è stato condannato da Dio all’inferno per le sue azioni.

Dio perdona il suicidio?
Non c’è dubbio che il suicidio sia una terribile tragedia. Per un cristiano, è una tragedia ancora più grande perché è uno spreco di una vita che Dio intendeva usare in modo glorioso.

Sarebbe difficile sostenere che il suicidio non è un peccato , perché è la presa di una vita umana, o per dirla senza mezzi termini, un omicidio. La Bibbia esprime chiaramente la santità della vita umana ( Esodo 20:13 ; vedere anche Deuteronomio 5:17 ; Matteo 19:18 ; Romani 13: 9 ).

Dio è l’autore e il donatore della vita ( Atti 17:25 ). Le Scritture dicono che Dio ha respirato il respiro della vita negli umani ( Genesi 2: 7 ). Le nostre vite sono un dono di Dio. Pertanto, il dare e il prendere la vita dovrebbero rimanere nelle sue mani sovrane ( Giobbe 1:21 ).

In Deuteronomio 30: 11-20 , puoi sentire il cuore di Dio gridare perché il suo popolo scelga la vita:

“Oggi ti ho dato la scelta tra vita e morte, tra benedizioni e maledizioni. Ora invito il cielo e la terra a testimoniare la scelta che fai. Oh, che sceglieresti la vita, così che tu e i tuoi discendenti potreste vivere! Tu puoi fare questa scelta amando il Signore tuo Dio, obbedendo a lui e impegnandoti fermamente con Lui. Questa è la chiave della tua vita … ” (NLT)

Quindi, un peccato tanto grave quanto il suicidio può distruggere la possibilità di salvezza?

La Bibbia ci dice che al momento della salvezza i peccati di un credente sono perdonati ( Giovanni 3:16 ; 10:28 ). Quando diventiamo figli di Dio, tutti i nostri peccati , anche quelli commessi dopo la salvezza, non sono più tenuti contro di noi.

Efesini 2: 8 dice: “Dio ti ha salvato con la sua grazia quando hai creduto. E non puoi prenderti il ​​merito per questo; è un dono di Dio”. (NLT) Quindi, siamo salvati dalla grazia di Dio , non dalle nostre buone azioni. Allo stesso modo in cui le nostre buone opere non ci salvano, le nostre cattive o i nostri peccati non possono impedirci di salvarci.

L’ apostolo Paolo chiarì in Romani 8: 38-39 che nulla può separarci dall’amore di Dio:

E sono convinto che nulla potrà mai separarci dall’amore di Dio. Né la morte né la vita, né angeli né demoni, né le nostre paure per oggi né le nostre preoccupazioni per il domani – nemmeno i poteri dell’inferno possono separarci dall’amore di Dio. Nessuna potenza nel cielo sopra o nella terra sotto – in verità, nulla in tutta la creazione sarà mai in grado di separarci dall’amore di Dio che è rivelato in Cristo Gesù, nostro Signore. (NLT)
C’è solo un peccato che può separare una persona da Dio e mandarla all’inferno. L’unico peccato imperdonabile è il rifiuto di accettare Gesù Cristo come Signore e Salvatore. Chiunque si rivolga a Gesù per il perdono è reso giusto dal suo sangue ( Romani 5: 9 ) che copre il nostro peccato: passato, presente e futuro.

La prospettiva di Dio sul suicidio
Quella che segue è una storia vera di un uomo cristiano che si è suicidato. L’esperienza offre una prospettiva interessante sulla questione dei cristiani e del suicidio.

L’uomo che si era ucciso era il figlio di un membro dello staff della chiesa. In breve tempo era stato un credente, ha toccato molte vite per Gesù Cristo. Il suo funerale fu uno dei monumenti più commoventi mai condotti.

Con più di 500 persone in lutto riunite, per quasi due ore, persona dopo persona ha testimoniato come quest’uomo fosse stato usato da Dio. Aveva indicato innumerevoli vite alla fede in Cristo e mostrato loro la via dell’amore del Padre . Le persone in lutto lasciarono il servizio convinte che ciò che aveva spinto l’uomo a suicidarsi fosse stata la sua incapacità di scuotere la sua dipendenza dalle droghe e il fallimento che sentiva come marito, padre e figlio.

Sebbene il suo fosse un finale triste e tragico, tuttavia, la sua vita ha testimoniato innegabilmente della potenza redentrice di Cristo in modo sorprendente. È molto difficile credere che quest’uomo sia andato all’inferno.

Il fatto è che nessuno può veramente capire la profondità della sofferenza di qualcun altro o le ragioni che potrebbero spingere un’anima a tale disperazione. Solo Dio sa cosa c’è nel cuore di una persona ( Salmo 139: 1-2 ). Solo il Signore conosce l’entità del dolore che potrebbe portare una persona al punto di suicidarsi.

Sì, la Bibbia tratta la vita come un dono divino e qualcosa che gli umani devono apprezzare e rispettare. Nessun essere umano ha il diritto di togliersi la vita o quella di un altro. Sì, il suicidio è una terribile tragedia, persino un peccato, ma non nega l’atto di redenzione del Signore . La nostra salvezza riposa saldamente nell’opera compiuta di Gesù Cristo sulla croce . La Bibbia afferma: “Chiunque invocherà il nome del Signore sarà salvato”. (Romani 10:13, NIV)

Articoli correlati