Papa Francesco: Alla fine di un anno di pandemia, ‘ti lodiamo, Dio’

Papa Francesco ha spiegato giovedì perché la Chiesa cattolica rende grazie a Dio alla fine di un anno solare, anche anni che sono stati segnati da tragedia, come il 2020 pandemia di coronavirus.

In un’omelia letta dal Cardinale Giovanni Battista Re il 31 dicembre, Papa Francesco ha detto “questa sera diamo spazio al ringraziamento per l’anno che sta volgendo al termine. ‘Ti lodiamo, Dio, ti proclamiamo Signore …’ “

Il Cardinale Re ha pronunciato l’omelia del Papa nella liturgia dei Primi Vespri vaticani nella Basilica di San Pietro. I Vespri, noti anche come Vespri, fanno parte della Liturgia delle Ore.

A causa del dolore sciatico, Papa Francesco non ha partecipato al servizio di preghiera, che includeva l’adorazione e la benedizione eucaristica, e il canto del “Te Deum”, un inno latino di ringraziamento della Chiesa primitiva.

“Potrebbe sembrare obbligato, quasi stridente, ringraziare Dio alla fine di un anno come questo, segnato dalla pandemia”, ha detto Francesco nella sua omelia.

“Pensiamo alle famiglie che hanno perso uno o più membri, a chi è stato ammalato, a chi ha sofferto di solitudine, a chi ha perso il lavoro…” ha aggiunto. “A volte qualcuno chiede: qual è il punto di una tragedia come questa?”

Il papa ha detto che non dovremmo avere fretta di rispondere a questa domanda, perché nemmeno Dio risponde ai nostri “perché” più angoscianti ricorrendo a “ragioni migliori” “.

“La risposta di Dio”, ha affermato, “segue la via dell’Incarnazione, come canterà presto l’antifona al Magnificat:” Per il grande amore con cui ci ha amati, Dio ha mandato suo Figlio nella carne del peccato “.

I primi Vespri sono stati recitati in Vaticano in previsione della solennità di Maria, Madre di Dio, del 1 gennaio.

“Dio è padre, ‘Padre eterno’, e se suo Figlio si è fatto uomo, è a causa dell’immensa compassione del cuore del Padre. Dio è un pastore, e quale pastore rinuncerebbe anche a una sola pecora, pensando che nel frattempo gliene rimangano molte altre? ” ha continuato il papa.

Ha aggiunto: “No, questo dio cinico e spietato non esiste. Questo non è il Dio che noi ‘lodiamo’ e ‘proclamiamo Signore’ “.

Francesco ha indicato l’esempio della compassione del Buon Samaritano come un modo per “dare un senso” alla tragedia della pandemia di coronavirus, che ha detto ha avuto l’effetto di “suscitare compassione in noi e provocare atteggiamenti e gesti di vicinanza, cura , solidarietà.”

Notando che molte persone hanno servito altruisticamente gli altri durante l’anno difficile, il papa ha detto che “con il loro impegno quotidiano, animati dall’amore per il prossimo, hanno realizzato quelle parole dell’inno Te Deum: ‘Ogni giorno ti benediciamo, lodiamo il tuo nome per sempre . ” Perché la benedizione e la lode che più piace a Dio è l’amore fraterno “.

Quelle buone opere “non possono avvenire senza la grazia, senza la misericordia di Dio”, ha spiegato. “Per questo gli rendiamo lode, perché crediamo e sappiamo che tutto il bene che si fa giorno per giorno sulla terra viene, alla fine, da lui. E guardando al futuro che ci attende, imploriamo ancora: ‘Possa la tua misericordia essere sempre con noi, in te abbiamo sperato’ ”

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa