Un cristiano deve sentirsi in colpa per godersi i piaceri terreni?

Ho ricevuto questa email da Colin, un lettore del sito con una domanda interessante:

Ecco un breve riassunto della mia posizione: vivo in una famiglia della classe media e, sebbene non siamo affatto stravaganti nelle nostre spese, abbiamo gli oggetti normali trovati in una tale famiglia. Frequento un college universitario dove mi sto allenando per diventare insegnante. Ancora una volta, direi che vivo una vita studentesca ragionevolmente non eccessiva. Per la maggior parte ho sempre creduto in Dio e recentemente ho cercato di vivere uno stile di vita più cristiano. A causa di ciò, mi sono interessato ad essere più etico con le cose che compro, ad esempio, alimenti del commercio equo e solidale o riciclaggio.

Di recente, tuttavia, ho messo in discussione il mio stile di vita e se è necessario o meno. Con questo intendo che non sono sicuro di sentirmi in colpa di avere così tanto quando ci sono persone al mondo che hanno così poco. Come ho detto, sento di provare a moderare le cose e cerco di non spendere mai in modo frivolo.

La mia domanda, quindi, è questa: è giusto godersi le cose che ho la fortuna di avere, siano oggetti, amici o persino cibo? O dovrei sentirmi in colpa e forse provare a rinunciare a gran parte di questi? “

Ho letto nel tuo articolo perspicace: “Idee sbagliate comuni sui nuovi cristiani” . In esso ci sono questi 2 punti relativi a questa domanda:

‘ Malinteso 9 – I cristiani non dovrebbero godere di alcun piacere terreno .
Credo che Dio abbia creato tutte le cose buone, sane, divertenti e divertenti che abbiamo su questa terra come una benedizione per noi. La chiave non sta trattenendo troppo strettamente queste cose terrene. Dobbiamo cogliere e godere delle nostre benedizioni con i palmi delle mani aperti e inclinati verso l’alto. “
– Lo credo anche io.

‘ Fraintendimento 2 – Diventare cristiano significa rinunciare a tutto il mio divertimento e seguire una vita di regole.
Un’esistenza senza gioia del semplice rispetto delle regole non è il vero cristianesimo e l’abbondante vita che Dio intende per te. “
– Ancora una volta, questo è un sentimento con cui sono molto d’accordo.

In conclusione, i miei sentimenti in questo preciso momento sono che dovrei cercare di aiutare gli altri il più possibile mentre continuo il mio stile di vita attuale. Apprezzerei molto ogni tua riflessione su questi sentimenti.

Grazie ancora,
Colin

Prima di iniziare la mia risposta, stabiliamo uno sfondo biblico di Giacomo 1:17:

“Ogni dono buono e perfetto viene dall’alto, scende dal Padre delle luci celesti, che non cambia come le ombre che si spostano.” (NIV)

Quindi, dovremmo sentirci in colpa per godere dei piaceri terreni?
Credo che Dio abbia creato la terra e tutto ciò che contiene per il nostro piacere. Dio vuole che godiamo di tutta la bellezza e della meraviglia che ha creato. La chiave, tuttavia, è sempre trattenere i doni di Dio con le mani aperte e i cuori aperti. Dobbiamo essere disposti a lasciar andare ogni volta che Dio decide di portare via uno di quei doni, sia che si tratti di una persona cara, di una nuova casa o di una cena con bistecca.

Giobbe, l’ uomo del Vecchio Testamento , godeva di grande ricchezza dal Signore. Era anche considerato da Dio un uomo giusto . Quando perse tutto ciò che disse in Giobbe 1:21:

“Sono nato nudo dal grembo di mia madre
e quando partirò sarò nudo.
Il Signore mi ha dato ciò che avevo
e il Signore l’ha portato via.
Loda il nome del Signore! ” (NLT)

Pensieri da considerare
Forse Dio ti sta portando a vivere con meno per uno scopo? Forse Dio sa che troverai gioia e godimento maggiori in una vita meno complicata, libera da cose materiali. D’altra parte, forse Dio userà le benedizioni che hai ricevuto come testimone della sua bontà per i tuoi vicini, amici e familiari.

Se lo cerchi quotidianamente e seriamente, ti condurrà con la tua coscienza, quella calma voce interiore. Se ti fidi di lui con le mani aperte, i palmi delle mani inclinati in lode per i suoi doni, offrendoli sempre di nuovo a Dio se dovesse richiederli, credo che il tuo cuore sarà guidato dalla sua pace.

Dio potrebbe chiamare una persona a una vita di povertà e sacrificio per uno scopo – uno che porta gloria a Dio – mentre chiama un’altra persona a una vita di abbondanza finanziaria, anche allo scopo di portare gloria a Dio ? Credo che la risposta sia sì. Credo anche che entrambe le vite saranno ugualmente benedette e piene della gioia dell’obbedienza e del senso di appagamento nel vivere nella volontà di Dio.

Un ultimo pensiero: forse c’è solo un po ‘di colpa nel godimento del piacere provato da tutti i cristiani? Questo potrebbe essere per ricordarci del sacrificio di Cristo e della grazia e della bontà di Dio. Forse la colpa non è la parola giusta. Una parola migliore potrebbe essere gratitudine . Colin ha detto questo in una email successiva:

“Riflettendo, penso che forse ci sarà sempre un piccolo senso di colpa, tuttavia questo è benefico, in quanto serve a ricordarci i doni di cui parli.”

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La croce: simbolo religioso della cristianità

La croce: simbolo religioso della cristianità

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Il buddismo alla luce della nostra fede cattolica

Il buddismo alla luce della nostra fede cattolica

I pettegolezzi sono un peccato?

I pettegolezzi sono un peccato?

Chiesa: la verginità consacrata

Chiesa: la verginità consacrata

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri