Rifletti, oggi, sui veri bisogni di coloro che ti circondano

“Venite via da soli in un luogo deserto e riposatevi un po ‘.” Marco 6:34

I Dodici erano appena tornati dall’andare in campagna a predicare il Vangelo. Erano stanchi. Gesù, nella sua compassione, li invita a venire via con lui per riposarsi un po ‘. Quindi salgono su una barca per raggiungere un luogo deserto. Ma quando la gente viene a sapere di questo, si affretta a piedi verso il luogo in cui era diretta la loro barca. Quindi, quando la barca arriva, c’è una folla che li aspetta.

Naturalmente, Gesù non si arrabbia. Non si lascia scoraggiare dall’ardente desiderio delle persone di stare con Lui e con i Dodici. Invece, il Vangelo racconta che quando Gesù li vide, “il suo cuore fu mosso a pietà” e cominciò a insegnare loro molte cose.

Nella nostra vita, dopo aver servito bene gli altri, è comprensibile desiderare il riposo. Anche Gesù lo desiderava per se stesso e per i suoi apostoli. Ma l’unica cosa che Gesù ha permesso di “interrompere” il Suo riposo è stato il chiaro desiderio delle persone di stare con Lui e di essere nutrite dalla Sua predicazione. C’è molto da imparare da questo esempio del nostro Signore.

Ad esempio, ci sono molte volte in cui un genitore può voler stare da solo per un po ‘, eppure sorgono problemi familiari che richiedono la loro attenzione. Sacerdoti e religiosi possono anche avere doveri inaspettati che derivano dal loro ministero che possono, in un primo momento, sembrare interrompere i loro piani. Lo stesso si può dire per qualsiasi vocazione o situazione nella vita. Potremmo pensare di aver bisogno di una cosa, ma poi il dovere chiama e scopriamo di essere necessari in un modo diverso.

Una chiave per condividere la missione apostolica di Cristo, sia per le nostre famiglie, Chiesa, comunità o amici, è essere pronti e disposti a essere generosi con il nostro tempo e le nostre energie. È vero che a volte la prudenza detterà il bisogno di riposo, ma altre volte la chiamata alla carità sostituirà ciò che percepiamo come un legittimo bisogno del nostro riposo e relax. E quando ci sarà richiesta la vera carità, troveremo sempre che nostro Signore ci dà la grazia necessaria per essere generosi con il nostro tempo. È spesso in quei momenti in cui il nostro Signore sceglie di usarci in modi che stanno veramente trasformando per gli altri.

Rifletti, oggi, sui veri bisogni di coloro che ti circondano. Ci sono persone che trarrebbero grande beneficio dal tuo tempo e dalla tua attenzione oggi? Ci sono bisogni che hanno gli altri che ti richiederanno di cambiare i tuoi piani e di darti in un modo che è difficile? Non esitare a dare generosamente te stesso agli altri. In effetti, questa forma di carità non solo trasforma per coloro che serviamo, è spesso una delle attività più riposanti e rigeneranti che possiamo fare anche per noi stessi.

Mio generoso Signore, hai donato te stesso senza riserve. Le persone venivano da Te nel loro bisogno e non hai esitato a servirle per amore. Dammi un cuore che imiti la Tua generosità e aiutami a dire sempre “Sì” all’opera caritativa alla quale sono chiamato. Possa io imparare a provare una grande gioia nel servire gli altri, specialmente in quelle circostanze della vita non pianificate e inaspettate. Gesù io credo in te.

Meditazione del giorno: Trasfigurato nella gloria

Meditazione del giorno: Trasfigurato nella gloria

La gratitudine: un gesto che cambia la vita

La gratitudine: un gesto che cambia la vita

La perfezione dell'amore, meditazione del giorno

La perfezione dell'amore, meditazione del giorno

Maltrattamenti: come guarire dalle conseguenze

Maltrattamenti: come guarire dalle conseguenze

Oltre il perdono, meditazione del giorno

Oltre il perdono, meditazione del giorno

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?

Meditazione del giorno: 40 giorni nel deserto

Meditazione del giorno: 40 giorni nel deserto