Papa Francesco: i migranti sono persone non un problema sociale

I cristiani sono chiamati a seguire lo spirito delle beatitudini confortando i poveri e gli oppressi, in particolare i migranti e i rifugiati che vengono respinti, sfruttati e lasciati morire, ha detto Papa Francesco.

I minimi “, che sono stati gettati via, emarginati, oppressi, discriminati, maltrattati, sfruttati, abbandonati, poveri e sofferenti” gridano a Dio “, chiedendo di essere liberati dai mali che li affliggono”, ha detto il papa in l’omelia dell’8 luglio durante una messa in ricordo del sesto anniversario della sua visita nell’isola del Mediterraneo meridionale di Lampedusa.

“Sono persone; queste non sono semplici questioni sociali o migratorie. Non si tratta solo di migranti, nel duplice senso che i migranti sono, prima di tutto, persone umane e che sono il simbolo di tutte quelle respinte dall’odierna società globalizzata, ” Egli ha detto.

Secondo il Vaticano, circa 250 migranti, rifugiati e volontari di soccorso hanno partecipato alla Messa, che è stata celebrata sull’altare della Cattedra nella Basilica di San Pietro. Francesco ha salutato tutti i presenti al termine della Messa.

Nella sua omelia, il papa ha riflettuto sulla prima lettura del libro della Genesi in cui Giacobbe sognava una scala che portava al cielo “e i messaggeri di Dio andavano su e giù su di essa”.

A differenza della Torre di Babele, che era il tentativo dell’umanità di raggiungere il cielo e diventare divinità, la scala nel sogno di Giacobbe era il mezzo con cui il Signore scende all’umanità e “si rivela; è Dio che salva”, ha spiegato il papa.

“Il Signore è un rifugio per i fedeli, che lo invitano in tempi di tribolazione”, ha detto. “Perché è proprio in quei momenti che la nostra preghiera è resa più pura, quando ci rendiamo conto che la sicurezza che il mondo offre ha poco valore e rimane solo Dio. Solo Dio apre il cielo per coloro che vivono sulla terra. Solo Dio salva.”

La lettura evangelica di San Matteo, che ha ricordato Gesù che curava una donna malata e che risuscitava una ragazza dai morti, rivela anche “la necessità di un’opzione preferenziale per il minimo, coloro che devono ricevere la prima fila nell’esercizio della carità. “

La stessa cura, ha aggiunto, deve estendersi ai vulnerabili che fuggono dalla sofferenza e dalla violenza solo per incontrare indifferenza e morte.

“Questi ultimi sono abbandonati e ingannati nel morire nel deserto; questi ultimi sono torturati, abusati e violati nei campi di detenzione; questi ultimi affrontano le onde di un mare implacabile; questi ultimi sono lasciati nei campi di accoglienza troppo a lungo per loro essere chiamato temporaneo “, ha detto il papa.

Francesco ha affermato che l’immagine della scala di Giacobbe rappresenta la connessione tra cielo e terra che è “garantita e accessibile a tutti”. Tuttavia, per salire su quei gradini è necessario “impegno, impegno e grazia”.

“Mi piace pensare che potremmo essere quegli angeli, ascendenti e discendenti, prendendo sotto le nostre ali i piccoli, gli zoppi, i malati, gli esclusi”, ha detto il papa. “I minimi, che altrimenti rimarrebbero indietro e sperimenterebbero solo macinando la povertà sulla terra, senza intravedere in questa vita nulla della luminosità del cielo.”

La richiesta del papa di compassione nei confronti di migranti e rifugiati meno di una settimana dopo che un campo di detenzione per migranti a Tripoli, in Libia, è stato bombardato in un raid aereo. Il governo libico ha incolpato l’attacco del 3 luglio contro l’esercito nazionale libico, guidato dal generale militare rinnegato Khalifa Haftar.

Secondo la rete di notizie panarabo Al-Jazeera, il raid aereo ha ucciso circa 60 persone, in maggioranza migranti e rifugiati provenienti da paesi africani, tra cui Sudan, Etiopia, Eritrea e Somalia.

Francesco ha denunciato l’attacco e guidato i pellegrini in preghiera per le vittime il 7 luglio durante il suo discorso di Angelus.

“La comunità internazionale non può più tollerare eventi così gravi”, ha detto. “Prego per le vittime; possa il Dio della pace ricevere i defunti e sostenere i feriti”.

Articoli correlati