Come aiutare i bambini ad amare i suoi amici

La scorsa settimana, mentre ero al lavoro, è arrivata una e-mail dal mio amico Machelle. Notando che era intitolato semplicemente “Recess”, ho fatto una smorfia mentre facevo clic per aprirlo. Machelle ha quattro figli piccoli e non è uno che mi manda delle note sulle buffonate carine; se il titolo era “recesso”, si trattava di qualcosa che andava storto nel recesso, sia con i suoi figli che con i miei.

Ho letto velocemente l’e-mail. Avevo ragione. Il figlio di quinta elementare si era avvicinato a lei, piangendo, durante la pausa pranzo, quando stava lasciando la scuola materna per il pomeriggio. Alcuni ragazzi della sua classe non gli permettevano di giocare a basket.

Mentre scambiavamo e-mail, ho riconosciuto i nomi dei ragazzi esclusivi come quelli che avevo sentito troppo spesso prima, sia dai miei figli che da altri genitori. Li ho considerati i “ragazzi alfa-maschi”; alcuni genitori li chiamavano prepotenti. La scuola era d’accordo con la seconda etichetta, e dopo che Machelle aveva parlato con l’insegnante di suo figlio, ognuno dei ragazzi ha ricevuto il primo passo di avvertimento nel programma di prevenzione del bullismo della scuola.

La scuola è uno dei luoghi più difficili per i nostri figli per vivere il comando di Gesù di amare il prossimo. La complessa rete di interazione sociale significa che spesso i bambini si stanno prendendo gioco della posizione all’interno della loro classe. Aiutare i bambini ad avvicinarsi all’interazione con i coetanei da una prospettiva cristiana può essere difficile quando i loro coetanei possono avere un’agenda completamente diversa che non ha nulla a che fare con “i vicini amorevoli” e tutto ciò che riguarda lo stabilire il potere.

I genitori che tengono le aspettative del figlio in termini di come trattare gli altri, tuttavia, scoprono che nel tempo i loro figli diventano più sicuri. Con fiducia arriva il rispetto dei compagni di classe, e se ci sono abbastanza bambini che “recitano bene”, quei bambini — non i bulli — alla fine danno il tono per la classe.

Dai a tuo figlio alcune frasi chiave
Michele Borba, autore dei genitori fa la differenza: come allevare bambini con carattere solido, menti forti e cuori premurosi (Jossey-Bass), ha affermato che genitori e insegnanti possono aiutare i bambini a trovare parole e frasi per far sentire bene le persone. I suoi esempi includono: Mi è piaciuto. Sono contento che tu sia tornato. Tutto bene? Come posso aiutare? Sembri nervoso.

Aiutali a perdonare ed essere perdonati
La nostra chiesa ci offre alcune potenti risorse per aiutare sia gli adulti che i bambini a superare anche le relazioni più difficili. I genitori che lo riconoscono danno ai loro figli un dono da portare con sé nell’età adulta. Ogni settimana, mentre recitavamo il Padre Nostro prima dell’Eucaristia, diciamo: “Perdonaci per le nostre trasgressioni mentre perdoniamo coloro che trasgrediscono contro di noi”.

Se sai che tuo figlio ha avuto una settimana difficile a scuola con problemi di amicizia, parla del perdono prima della Messa e chiedi a lui o lei di prestare particolare attenzione a volte per chiedere perdono. Se tieni le mani durante il Padre Nostro, dai a tuo figlio una breve pressione durante la parte sul perdono. Considera di andare al sacramento della Riconciliazione durante i periodi difficili. Una volta, dopo che la nostra famiglia andò alla riconciliazione, nostro figlio Liam, allora 8, reagì correndo nel parcheggio della chiesa in seguito. “Mi sento così leggero!” Ci ha detto a titolo esplicativo.

Aiutali a essere inclusivi
Gesù istruì i suoi seguaci che nel dare un pranzo non dovevano invitare amici, ricchi vicini o parenti, ma invece invitare coloro che non possono ripagarli (Luca 14: 12–24). Possiamo insegnare ai nostri figli a seguire l’esempio di Gesù incoraggiandoli a pianificare le date di pagamento con i bambini che potrebbero essere altrimenti esclusi: il bambino tranquillo che nessuno nota; il bambino che non vive vicino a tutti gli altri; il bambino etichettato come “non figo”. Mentre i bambini dovrebbero certamente avere la possibilità di scegliere chi invitare a casa, i genitori possono fornire una guida per aiutare i bambini a superare le scelte ovvie: quei bambini popolari a cui tutti pensano prima.

Articoli correlati