Papa Francesco: la Chiesa deve riconoscere i doni dei cattolici più anziani

La vecchiaia “non è una malattia, è un privilegio” e le diocesi e le parrocchie cattoliche mancano di un’enorme e crescente risorsa se ignorano i loro membri anziani, ha detto Papa Francesco.

“Dobbiamo cambiare le nostre routine pastorali per rispondere alla presenza di così tante persone anziane nelle nostre famiglie e comunità”, ha detto il papa agli anziani cattolici e agli operatori pastorali di tutto il mondo.

Francesco si è rivolto al gruppo il 31 gennaio, al termine di una conferenza di tre giorni sulla cura pastorale degli anziani promossa dal Dicastero vaticano per i laici, la famiglia e la vita.

La Chiesa cattolica ad ogni livello, ha detto, deve rispondere alle aspettative di vita più lunghe e al cambiamento demografico evidente in tutto il mondo.

Mentre alcune persone vedono la pensione come il momento in cui la produttività e la forza diminuiscono, il papa 83enne ha detto, per altri è un momento in cui sono ancora fisicamente in forma e mentalmente acuti ma hanno molta più libertà rispetto a quando avevano lavorare e crescere una famiglia.

In entrambe le situazioni, ha affermato, la chiesa deve essere lì per offrire una mano, se necessario, beneficiare dei doni degli anziani e lavorare per contrastare gli atteggiamenti sociali che vedono i vecchi come oneri inutili per una comunità.

Parlando con e sui cattolici più anziani, la chiesa non può agire come se le loro vite avessero solo un passato, “un archivio ammuffito”, ha detto. “No. Il Signore può anche e vuole scrivere nuove pagine con loro, pagine di santità, servizio e preghiera.”

“Oggi voglio dirti che gli anziani sono il presente e il domani della chiesa”, ha detto. “Sì, sono anche il futuro di una chiesa, che, insieme ai giovani, profetizza e sogna. Ecco perché è così importante che vecchi e giovani si parlino. È così importante.”

“Nella Bibbia, la longevità è una benedizione”, ha osservato il papa. È il momento di affrontare la fragilità di una persona e di riconoscere quanto sia reciproco l’amore e la cura all’interno di una famiglia.

“Dando lunga vita, Dio padre dà il tempo di approfondire la consapevolezza di lui e di approfondire l’intimità con lui, di avvicinarsi al suo cuore e abbandonarsi a lui”, ha detto il papa. “È il momento di prepararsi a consegnare il nostro spirito nelle sue mani, in modo definitivo, con la fiducia dei bambini. Ma è anche un momento di rinnovata fecondità.”

In effetti, la conferenza vaticana, “La ricchezza di molti anni di vita”, trascorse quasi tutto il tempo a discutere dei doni che i cattolici più anziani portano alla chiesa come ne parlava dei loro bisogni speciali.

La discussione della conferenza, ha affermato il papa, non può essere una “iniziativa isolata”, ma deve continuare a livello nazionale, diocesano e parrocchiale.

La chiesa, ha detto, dovrebbe essere il luogo “in cui le diverse generazioni sono chiamate a condividere il piano amorevole di Dio”.

Pochi giorni prima della festa della Presentazione del Signore, il 2 febbraio, Francesco ha indicato la storia degli anziani Simeone e Anna che sono nel Tempio, prendono in braccio Gesù di 40 giorni, lo riconoscono come il Il Messia e “proclamano la rivoluzione della tenerezza”.

Un messaggio di quella storia è che la buona notizia della salvezza in Cristo è pensata per tutte le persone di tutte le età, ha detto. “Quindi, ti chiedo, non risparmiare alcuno sforzo nel proclamare il Vangelo ai nonni e agli anziani. Esci per incontrarli con un sorriso sul tuo viso e il Vangelo nelle tue mani. Lascia le tue parrocchie e vai a cercare gli anziani che vivono soli “.

Mentre l’invecchiamento non è una malattia, “la solitudine può essere una malattia”, ha detto. “Ma con carità, vicinanza e conforto spirituale, possiamo curarlo.”

Francesco ha anche chiesto ai pastori di tenere presente che mentre molti genitori oggi non hanno la formazione religiosa, l’educazione o la spinta per insegnare ai loro figli la fede cattolica, molti nonni lo fanno. “Sono un anello indispensabile per educare i piccoli e i giovani alla fede”.

Gli anziani, ha detto, “non sono solo persone che siamo chiamati ad assistere e proteggere al fine di salvaguardare la loro vita, ma possono essere protagonisti dell’evangelizzazione, testimoni privilegiati dell’amore fedele di Dio”.

Articoli correlati