Perché i cattolici devono confessarsi?

La confessione è uno dei meno compresi dei sacramenti della Chiesa cattolica . Nel riconciliarci con Dio, è una grande fonte di grazia e i cattolici sono incoraggiati a trarne vantaggio spesso. Ma è anche oggetto di molti fraintendimenti comuni, sia tra i non cattolici che tra gli stessi cattolici.

La confessione è un sacramento
Il sacramento della confessione è uno dei sette sacramenti riconosciuti dalla Chiesa cattolica. I cattolici credono che tutti i sacramenti siano stati istituiti da Gesù Cristo stesso. Nel caso della Confessione, tale istituzione si verificò la domenica di Pasqua , quando Cristo apparve per la prima volta agli apostoli dopo la sua risurrezione. Respirando su di loro, disse: “Ricevi lo Spirito Santo. Per quelli di cui perdoni i peccati, sono perdonati; per quelli di cui conservi i peccati, sono mantenuti ”( Giovanni 20: 22-23 ).

I segni del sacramento
I cattolici credono anche che i sacramenti siano un segno esteriore di una grazia interiore . In questo caso, il segno esteriore è l’assoluzione, o il perdono dei peccati, che il sacerdote concede al penitente (la persona che confessa i suoi peccati); la grazia interiore è la riconciliazione del penitente con Dio.

Altri nomi per il sacramento della confessione
Ecco perché il Sacramento della Confessione è talvolta chiamato Sacramento della Riconciliazione. Mentre la confessione sottolinea l’azione del credente nel sacramento, la riconciliazione sottolinea l’azione di Dio, che usa il sacramento per riconciliarci con se stesso ripristinando la grazia santificante nelle nostre anime.

Il catechismo della Chiesa cattolica si riferisce al sacramento della confessione come il sacramento della penitenza . La penitenza esprime il giusto atteggiamento con cui dovremmo avvicinarci al sacramento – con dolore per i nostri peccati, desiderio di espiare per loro e ferma determinazione a non impegnarli di nuovo.

La confessione è meno frequentemente chiamata Sacramento della conversione e Sacramento del perdono .

Lo scopo della confessione
Lo scopo della Confessione è di riconciliare l’uomo con Dio. Quando pecchiamo, ci priviamo della grazia di Dio. E così facendo, rendiamo ancora più facile peccare ancora un po ‘. L’unica via d’uscita da questo ciclo discendente è riconoscere i nostri peccati, pentirci e chiedere perdono a Dio. Quindi, nel Sacramento della Confessione, la grazia può essere restituita alle nostre anime e possiamo ancora una volta resistere al peccato.

Perché è necessaria la confessione?
I non cattolici, e anche molti cattolici, spesso chiedono se possono confessare i loro peccati direttamente a Dio e se Dio può perdonarli senza passare attraverso un sacerdote. Al livello più elementare, ovviamente, la risposta è sì, ei cattolici dovrebbero fare frequenti atti di contrizione , che sono preghiere in cui diciamo a Dio che siamo dispiaciuti per i nostri peccati e chiediamo il suo perdono.

Ma la domanda manca il punto del Sacramento della Confessione. Il sacramento, per sua stessa natura, conferisce grazie che ci aiutano a vivere una vita cristiana, motivo per cui la Chiesa ci impone di riceverla almeno una volta all’anno. (Vedi I Precetti della Chiesa per maggiori dettagli.) Inoltre, è stato istituito da Cristo come la forma corretta per il perdono dei nostri peccati. Pertanto, non dovremmo solo essere disposti a ricevere il sacramento, ma dovremmo abbracciarlo come dono di un Dio amorevole.

Cosa è richiesto?
Tre cose sono richieste a un penitente per ricevere degnamente il sacramento:

Deve essere contrito , o, in altre parole, dispiaciuto per i suoi peccati.
Deve confessare quei peccati pienamente, in natura e in numero.
Deve essere disposto a fare penitenza e fare ammenda per i suoi peccati.

Mentre questi sono i requisiti minimi, ecco i passaggi per effettuare una migliore confessione .

Quanto spesso dovresti andare alla confessione?
Mentre ai cattolici è richiesto di andare alla confessione solo quando sono consapevoli di aver commesso un peccato mortale, la Chiesa esorta i fedeli a trarre spesso vantaggio dal sacramento. Una buona regola empirica è di andare una volta al mese. (La Chiesa raccomanda vivamente che, in preparazione all’adempimento del nostro dovere pasquale di ricevere la Comunione , andiamo alla Confessione anche se siamo consapevoli solo del peccato veniale).

La Chiesa esorta in particolare i fedeli a ricevere frequentemente il Sacramento della Confessione durante la Quaresima , per aiutarli nella loro preparazione spirituale per la Pasqua .

Articoli correlati