Trovare speranza a Natale

Nell’emisfero settentrionale, il Natale cade vicino al giorno più breve e più buio dell’anno. Dove vivo io, l’oscurità si insinua così presto nel periodo natalizio che mi prende di sorpresa quasi ogni anno. Questa oscurità è in netto contrasto con le celebrazioni luminose e brillanti che vediamo negli spot e nei film di Natale che vengono trasmessi quasi 24 ore su 24, 7 giorni su 7 durante la stagione dell’Avvento. Può essere facile essere attratti da questa immagine del Natale “tutto scintillante, niente tristezza”, ma se siamo onesti, riconosciamo che non risuona con la nostra esperienza. Per molti di noi, questo periodo natalizio sarà teso da impegni, conflitti relazionali, limitazioni fiscali, solitudine o dolore per la perdita e il dolore.

Non è insolito che il nostro cuore provi un senso di tristezza e disperazione durante questi giorni bui dell’Avvento. E non dovremmo provare vergogna per questo . Non viviamo in un mondo libero dal dolore e dalla lotta. E Dio non ci promette un percorso libero dalla realtà della perdita e del dolore. Quindi, se stai lottando questo Natale, sappi che non sei solo. In effetti, sei in buona compagnia. Nei giorni prima del primo avvento di Gesù, il salmista si trovò in una fossa di tenebre e disperazione. Non conosciamo i dettagli del suo dolore o della sua afflizione, ma sappiamo che si fidava abbastanza di Dio da gridare a lui nella sua sofferenza e aspettarsi che Dio ascoltasse la sua preghiera e rispondesse.

“Aspetto il Signore, tutto il mio essere aspetta,
e nella sua parola ripongo la mia speranza.
Aspetto il Signore
più di quanto le sentinelle aspettino il mattino,
più di quanto le sentinelle aspettino il mattino ”( Salmo 130: 5-6 ).
Quell’immagine di un guardiano che aspetta il mattino mi ha sempre colpito. Un guardiano è pienamente consapevole e in sintonia con i pericoli della notte: la minaccia di invasori, animali selvatici e ladri. Il guardiano ha motivo di essere spaventato, ansioso e solo mentre aspetta fuori la notte di guardia e tutto solo. Ma in mezzo alla paura e alla disperazione, il guardiano è anche pienamente consapevole di qualcosa di molto più sicuro di qualsiasi minaccia dell’oscurità: la consapevolezza che verrà la luce del mattino .

Durante l’Avvento, ricordiamo com’era in quei giorni prima che Gesù venisse per salvare il mondo. E sebbene oggi viviamo ancora in un mondo segnato dal peccato e dalla sofferenza, possiamo trovare speranza nella consapevolezza che il nostro Signore e il suo conforto sono con noi nella nostra sofferenza ( Matteo 5: 4 ), che comprende il nostro dolore ( Matteo 26: 38 ), e che, alla fine, ha vinto il peccato e la morte ( Giovanni 16:33 ). Questa vera speranza natalizia non è una fragile speranza dipendente dallo scintillio (o dalla sua mancanza) nelle nostre circostanze attuali; invece, è una speranza fondata sulla certezza di un Salvatore che è venuto, è abitato in mezzo a noi, ci ha redenti dal peccato e che verrà di nuovo per fare nuove tutte le cose.

Proprio come il sole sorge ogni mattina, possiamo essere certi che anche durante le notti più lunghe e buie dell’anno – e nel mezzo del più difficile dei periodi natalizi – Emmanuele, “Dio con noi”, è vicino. Questo Natale, possa tu trovare speranza nella certezza che la “luce risplende nelle tenebre e le tenebre non l’hanno vinta” ( Giovanni 1: 5 ).

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo