7 cose da sapere su morte, giudizio, paradiso e inferno

7 cose da sapere su morte, giudizio, paradiso e inferno: 1. Dopo la morte non saremo più in grado di accettare o rifiutare la grazia di Dio.
La morte pone fine a tutte le opportunità per crescere nella santità o migliorare il nostro rapporto con Dio, secondo il Catechismo. Quando moriremo, la separazione del nostro corpo e della nostra anima sarà dolorosa. “L’anima ha paura del futuro e della terra sconosciuta verso la quale sta andando”, ha scritto padre von Cochem. “Il corpo è consapevole che non appena l’anima se ne va, diventerà preda dei vermi. Di conseguenza, l’anima non può sopportare di lasciare il corpo, né il corpo di separarsi dall’anima “.

2. Il giudizio di Dio è definitivo.
Immediatamente dopo la morte ogni persona sarà ricompensata secondo le sue opere e la sua fede (CCC 1021). Dopodiché, il giudizio finale di tutte le anime e gli angeli avrà luogo alla fine dei tempi e in seguito, tutte le creature saranno inviate alla loro destinazione eterna.

padre nostro

3. L’inferno è reale e i suoi tormenti sono inesorabili.
Le anime all’inferno si sono escluse dalla comunione con Dio e con i beati, afferma il Catechismo. “Morire in peccato mortale senza pentirsi e accettare l’amore misericordioso di Dio significa rimanere separati da Lui per sempre per nostra libera scelta” (CCC 1033). I santi e altri che hanno ricevuto visioni dell’inferno descrivono tormenti tra cui fuoco, fame, sete, odori terribili, oscurità e freddo estremo. Il “verme che non muore mai”, che Gesù menziona in Marco 9:48, si riferisce alle coscienze dei dannati che ricordano loro costantemente i loro peccati, scrisse padre von Cochem.

4. Passeremo l’eternità da qualche parte.
Le nostre menti non possono comprendere l’ampiezza dell’eternità. Non ci sarà modo di cambiare la nostra destinazione o abbreviarne la durata.

7 cose da sapere su morte, giudizio, paradiso e inferno

5. Il desiderio umano più profondo è per il Cielo.
Tutte le anime brameranno perennemente il loro Creatore, indipendentemente dal fatto che trascorrano l’eternità con lui. Come scrisse sant’Agostino nelle sue Confessioni: “I nostri cuori sono inquieti finché non riposano in Te”. Dopo la morte, percepiremo almeno in parte che Dio “è il Bene supremo e infinito e il godimento di Lui la nostra più alta felicità”. Saremo attratti da Dio e desidereremo ardentemente la visione beatifica, ma se ne veniamo privati ​​a causa del peccato sperimenteremo grande dolore e tortura.

6. La porta che conduce alla vita eterna è stretta e poche anime la trovano.
Gesù non ha dimenticato di inserire un punto alla fine di questa dichiarazione in Matteo 7: 13-14. Se prendiamo la via stretta, ne varrà la pena. Sant’Anselmo ha consigliato che non dovremmo solo sforzarci di essere uno dei pochi, ma “i pochi dei pochi”. “Non seguite la grande maggioranza dell’umanità, ma seguite coloro che entrano nella via stretta, che rinunciano al mondo, che si danno alla preghiera e che non allentano mai i loro sforzi di giorno o di notte, affinché possano raggiungere la felicità eterna. “

7. Non possiamo comprendere appieno il paradiso.
Nonostante le visioni dei santi, abbiamo solo un’immagine incompleta del paradiso. Il paradiso è “incommensurabile, inconcepibile, incomprensibile” e più luminoso del sole e delle stelle. Offrirà gioie per i nostri sensi e spirito, prima fra tutte la conoscenza di Dio. “Più conoscono Dio, più aumenterà il loro desiderio di conoscerlo meglio, e di questa conoscenza non ci saranno limiti e nessun difetto”, ha scritto. Forse meno frasi avranno bisogno di periodi nell’eternità, ma Dio le usa ancora (Isaia 44: 6): “Io sono il primo e io sono l’ultimo; accanto a me non c’è dio. “

7 passi della Scrittura per un cambiamento importante

7 passi della Scrittura per un cambiamento importante

Santa Bernadette, 16 Aprile : quello che non sapevi della santa che vide la Madonna

Santa Bernadette, 16 Aprile : quello che non sapevi della santa che vide la Madonna

Il pensiero del giorno 14 Aprile 2021 di Padre Pio e il commento al Vangelo di oggi

Il pensiero del giorno 14 Aprile 2021 di Padre Pio e il commento al Vangelo di oggi

La preghiera: Dio è presente quando le nostre menti vagano

La preghiera: Dio è presente quando le nostre menti vagano

Padre Pio: la libertà, l’opera per i poveri

Padre Pio: la libertà, l’opera per i poveri

Un altro miracolo di Padre Pio : ha visitato un uomo in prigione

Un altro miracolo di Padre Pio : ha visitato un uomo in prigione

La battaglia quaresimale contro lo spirito del male (video)

La battaglia quaresimale contro lo spirito del male (video)