È un peccato interrogare Dio?

I cristiani possono e devono lottare con ciò che la Bibbia insegna riguardo al sottomettersi alla Bibbia. Lottare seriamente con la Bibbia non è solo un esercizio intellettuale, ma coinvolge il cuore. Studiare la Bibbia solo a livello intellettuale porta a conoscere le risposte giuste senza applicare la verità della Parola di Dio alla propria vita. Affrontare la Bibbia significa impegnarsi con ciò che essa dice intellettualmente ea livello del cuore per sperimentare la trasformazione della vita tramite lo Spirito di Dio e portare frutto solo per la gloria di Dio.

 

Mettere in discussione il Signore non è sbagliato in sé. Abacuc, il profeta, aveva domande riguardanti il ​​Signore e il suo piano, e invece di essere rimproverato per le sue domande, ottenne una risposta. Conclude il suo libro con una canzone al Signore. Le domande sono poste al Signore nei Salmi ( Salmo 10 , 44, 74, 77). Anche se il Signore non risponde alle domande nel modo in cui vogliamo, accoglie le domande dei cuori che cercano la verità nella Sua Parola.

Tuttavia, le domande che mettono in dubbio il Signore e mettono in dubbio il carattere di Dio sono peccaminose. Ebrei 11: 6 afferma chiaramente che “chiunque viene da lui deve credere che esiste e che ricompensa coloro che lo cercano sinceramente”. Dopo che il re Saul disubbidì al Signore, le sue domande rimasero senza risposta ( 1 Samuele 28: 6 ).

Avere dubbi è diverso dal mettere in discussione la sovranità di Dio e accusare il suo carattere. Una domanda onesta non è un peccato, ma un cuore ribelle e diffidente è peccaminoso. Il Signore non è intimidito dalle domande e invita le persone a godere di una stretta amicizia con Lui. La posta in gioco principale è se abbiamo fede in Lui o non crediamo. L’atteggiamento del nostro cuore, che il Signore vede, determina se è giusto o sbagliato interrogarlo.

Allora, cosa rende qualcosa di peccaminoso?

In questione in questa domanda è ciò che la Bibbia dichiara esplicitamente essere peccato e quelle cose che la Bibbia non elenca direttamente come peccato. La Scrittura fornisce vari elenchi di peccati in Proverbi 6: 16-19 , 1 Corinzi 6: 9-10 e Galati 5: 19-21 . Questi passaggi presentano attività che descrivono come peccaminose.

Cosa dovrei fare quando comincio a interrogare Dio?
La questione più difficile qui è determinare cosa è peccaminoso in aree che la Scrittura non affronta. Quando la Scrittura non copre un certo argomento, ad esempio, abbiamo i principi della Parola per guidare il popolo di Dio.

È bene chiedere se qualcosa non va, ma è meglio chiedere se è decisamente buono. Colossesi 4: 5 insegna al popolo di Dio che devono “sfruttare al massimo ogni opportunità”. Le nostre vite sono solo un vapore, quindi dovremmo concentrare le nostre vite su “ciò che è utile per edificare gli altri secondo i loro bisogni” ( Efesini 4:29 ).

Per verificare se una cosa è decisamente buona e se dovresti farlo in buona coscienza, e se dovresti chiedere al Signore di benedire quella cosa, è meglio considerare quello che stai facendo alla luce di 1 Corinzi 10:31 , “Quindi , sia che tu mangi o bevi, o qualunque cosa tu faccia, fai tutto alla gloria di Dio “. Se dubiti che piaccia a Dio dopo aver esaminato la tua decisione alla luce di 1 Corinzi 10:31 , allora dovresti abbandonarla.

Romani 14:23 dice: “Tutto ciò che non viene dalla fede è peccato”. Ogni parte della nostra vita appartiene al Signore, perché siamo stati redenti e gli apparteniamo ( 1 Corinzi 6: 19-20 ). Le precedenti verità bibliche dovrebbero guidare non solo ciò che facciamo, ma anche dove andiamo nella nostra vita di cristiani.

Nel considerare di valutare le nostre azioni, dobbiamo farlo in relazione al Signore e al loro effetto sulla nostra famiglia, amici e altri. Sebbene le nostre azioni o comportamenti non possano danneggiare noi stessi, potrebbero danneggiare un’altra persona. Qui abbiamo bisogno della discrezione e della saggezza dei nostri pastori e santi maturi nella nostra chiesa locale, in modo da non indurre gli altri a violare la loro coscienza ( Romani 14:21 ; 15: 1).

La cosa più importante è che Gesù Cristo è il Signore e Salvatore del popolo di Dio, quindi niente dovrebbe avere la priorità sul Signore nella nostra vita. Nessuna ambizione, abitudine o svago dovrebbe avere un’influenza indebita nella nostra vita, poiché solo Cristo dovrebbe avere quell’autorità nella nostra vita di cristiani ( 1 Corinzi 6:12 ; Colossesi 3:17 ).

Qual è la differenza tra mettere in discussione e dubitare?
Il dubbio è un’esperienza che tutti vivono. Anche quelli che hanno fede nel Signore lottano di tempo con me con il dubbio e dicono con l’uomo in Marco 9:24 : “Io credo; aiuta la mia incredulità! ” Alcune persone sono notevolmente ostacolate dal dubbio, mentre altri lo vedono come un trampolino di lancio per la vita. Altri ancora vedono il dubbio come un ostacolo da superare.

L’umanesimo classico afferma che il dubbio, sebbene scomodo, è vitale per la vita. Rene Descartes una volta disse: “Se vuoi essere un vero ricercatore della verità, è necessario che almeno una volta nella vita, dubiti, per quanto possibile, di tutte le cose”. Allo stesso modo, il fondatore del buddismo una volta disse: “Dubita di tutto. Trova la tua luce. ” Come cristiani, se seguiamo il loro consiglio, dovremmo dubitare di ciò che hanno detto, il che è contraddittorio. Quindi, invece di seguire il consiglio di scettici e falsi insegnanti, esaminiamo ciò che dice la Bibbia .

Il dubbio può essere definito come una mancanza di fiducia o considerare qualcosa di improbabile. Per la prima volta vediamo il dubbio in Genesi 3 quando Satana tentò Eva. Là, il Signore ha dato un comando riguardo a non mangiare dall’albero della conoscenza del bene e del male e ha specificato le conseguenze della disobbedienza. Satana introdusse il dubbio nella mente di Eva quando chiese: “Dio ha davvero detto: ‘Non mangerete di nessun albero nel giardino’?” ( Genesi 3: 3 ).

Satana voleva che Eva mancasse di fiducia nel comando di Dio. Quando Eva affermò il comando di Dio, comprese le conseguenze, Satana rispose con un diniego, che è una più forte dichiarazione di dubbio: “Non morirai”. Il dubbio è uno strumento di Satana per far sì che il popolo di Dio non abbia fiducia nella Parola di Dio e consideri improbabile il Suo giudizio.

La colpa per il peccato dell’umanità non ricade su Satana ma sull’umanità. Quando un angelo del Signore visitò Zaccaria, gli fu detto che avrebbe avuto un figlio ( Luca 1: 11-17 ), ma dubitò della parola che gli era stata data. La sua risposta fu di dubbio a causa della sua età, e l’angelo rispose, dicendogli che sarebbe rimasto muto fino al giorno in cui la promessa di Dio non fosse stata adempiuta ( Luca 1: 18-20 ). Zaccaria dubitava della capacità del Signore di superare gli ostacoli naturali.

La cura per il dubbio
Ogni volta che permettiamo alla ragione umana di oscurare la fede nel Signore, il risultato è il dubbio peccaminoso. Non importa quali siano le nostre ragioni, il Signore ha reso stolta la saggezza del mondo ( 1 Corinzi 1:20 ). Anche i piani apparentemente insensati di Dio sono più saggi dei piani dell’umanità. La fede è confidare nel Signore anche quando il Suo piano va contro l’esperienza o la ragione umana.

La Scrittura contraddice la visione umanistica secondo cui il dubbio è essenziale per la vita, come ha insegnato Renée Descartes, e insegna invece che il dubbio è il distruttore della vita. Giacomo 1: 5-8 sottolinea che quando il popolo di Dio chiede sapienza al Signore, deve chiederla con fede, senza dubbio. Dopo tutto, se i cristiani dubitano della capacità di risposta del Signore, che senso avrebbe chiederglielo? Il Signore dice che se dubitiamo mentre glielo chiediamo, non riceveremo nulla da Lui, perché siamo instabili. Giacomo 1: 6 , “Ma chieda con fede, senza dubbi, perché chi dubita è come un’onda del mare che è spinta e agitata dal vento”.

La cura per il dubbio è la fede nel Signore e nella Sua Parola, poiché la fede viene dall’ascolto della Parola di Dio ( Romani 10:17 ). Il Signore usa la Parola nella vita del popolo di Dio per aiutarlo a crescere nella grazia di Dio. I cristiani devono ricordare come il Signore ha operato in passato perché questo definisce come opererà nella loro vita in futuro.

Salmo 77:11 dice: “Ricorderò le opere del SIGNORE; sì, ricorderò i tuoi miracoli di molto tempo fa. ” Per avere fede nel Signore, ogni cristiano deve studiare la Scrittura, poiché è nella Bibbia che il Signore si è rivelato. Una volta che abbiamo capito cosa ha fatto il Signore in passato, cosa ha promesso per il suo popolo nel presente e cosa possono aspettarsi da Lui in futuro, possono agire con fede invece che con dubbi.

Chi erano alcune persone nella Bibbia che mettevano in dubbio Dio?
Ci sono molti esempi che potremmo usare del dubbio nella Bibbia , ma alcuni famosi includono Tommaso, Gedeone, Sara e Abrahamo che ridono della promessa di Dio.

Tommaso trascorse anni assistendo ai miracoli di Gesù e imparando ai suoi piedi. Ma dubitava che il suo padrone fosse risorto dai morti. Passò un’intera settimana prima che vedesse Gesù, tempo in cui dubbi e domande si insinuarono nella sua mente. Quando Tommaso finalmente vide il Signore Gesù risorto, tutti i suoi dubbi svanirono ( Giovanni 20: 24-29 ).

Gedeone dubitava che il Signore potesse usarlo per invertire la tendenza contro gli oppressori del Signore. Ha messo alla prova il Signore due volte, sfidandolo a dimostrare la sua affidabilità attraverso una serie di miracoli. Solo allora Gedeone Lo onorerà. Il Signore assecondò Gedeone e, tramite lui, guidò gli Israeliti alla vittoria ( Giudici 6:36 ).

Abrahamo e sua moglie Sara sono due figure molto significative nella Bibbia. Entrambi hanno seguito fedelmente il Signore per tutta la vita. Nondimeno, non potevano convincersi a credere a una promessa che Dio aveva fatto loro che avrebbero dato alla luce un figlio in vecchiaia. Quando ricevettero questa promessa, entrambi risero della prospettiva. Una volta nato il loro figlio Isacco, la fiducia di Abramo nel Signore era cresciuta così grande che egli offrì volontariamente suo figlio Isacco in sacrificio ( Genesi 17: 17-22 ; 18: 10-15).

Ebrei 11: 1 dice: “La fede è la certezza di cose sperate, la convinzione di cose non viste”. Possiamo avere fiducia anche nelle cose che non possiamo vedere perché Dio si è dimostrato fedele, vero e capace.

I cristiani hanno il sacro incarico di proclamare la Parola di Dio nella giusta e fuori stagione, il che richiede di pensare seriamente a ciò che è la Bibbia ea ciò che insegna. Dio ha fornito la Sua Parola affinché i cristiani la leggessero, studiassero, meditassero e proclamassero al mondo. Come popolo di Dio, scaviamo nella Bibbia e poniamo le nostre domande confidando nella Parola di Dio rivelata in modo da poter crescere nella grazia di Dio e camminare al fianco di altri che lottano con il dubbio nelle nostre chiese locali.

Cosa significa "Bibbia" e come ha preso quel nome?

Cosa significa "Bibbia" e come ha preso quel nome?

20 potenti versetti della Bibbia per aiutarti a essere paziente

20 potenti versetti della Bibbia per aiutarti a essere paziente

Bibbia: qual è il rapporto tra il Padre e il Figlio?

Bibbia: qual è il rapporto tra il Padre e il Figlio?

Perché è così importante ricordare la Pasqua a Natale

Perché è così importante ricordare la Pasqua a Natale

Come chiedere perdono a Dio

Come chiedere perdono a Dio

5 cose che impariamo dalla fede di Giuseppe a Natale

5 cose che impariamo dalla fede di Giuseppe a Natale

Ogni momento della nostra vita condiviso con Dio attraverso la Bibbia

Ogni momento della nostra vita condiviso con Dio attraverso la Bibbia