Perché Dio mi ha creato?

All’intersezione di filosofia e teologia c’è una domanda: perché esiste l’uomo? Vari filosofi e teologi hanno tentato di affrontare questa domanda sulla base delle proprie convinzioni e sistemi filosofici. Nel mondo moderno, forse la risposta più comune è che l’uomo esiste perché una serie casuale di eventi è culminata nella nostra specie. Ma nel migliore dei casi, un tale gli indirizzi risposta una diversa domanda-vale a dire, come ha fatto l’uomo è venuto per essere? -E non perché .

La Chiesa cattolica, tuttavia, affronta la domanda giusta. Perché esiste l’uomo? O, per dirla in termini più colloquiali, perché Dio mi ha fatto?

Conoscerlo
Una delle risposte più comuni alla domanda “Perché Dio ha fatto l’uomo?” tra i cristiani negli ultimi decenni è stato “Perché era solo”. Niente, ovviamente, potrebbe essere più lontano dalla verità. Dio è l’essere perfetto; la solitudine deriva dall’imperfezione. È anche la comunità perfetta; mentre è un solo Dio, è anche tre persone, padre, figlio e spirito santo – tutto ciò che naturalmente è perfetto poiché tutti sono Dio.

Come ci ricorda il Catechismo della Chiesa Cattolica ( paragrafo 293 ):

“La Scrittura e la Tradizione non cessano mai di insegnare e celebrare questa verità fondamentale:” Il mondo è stato creato per la gloria di Dio “.”
La creazione testimonia quella gloria e l’uomo è l’apice della creazione di Dio. Nel conoscerlo attraverso la sua creazione e attraverso la rivelazione, possiamo meglio testimoniare della sua gloria. La sua perfezione – la vera ragione per cui non avrebbe potuto essere “solo” – si manifesta (dichiararono i Padri del Vaticano) “attraverso i benefici che conferisce alle creature”. E l’uomo, collettivamente e individualmente, è il capo di quelle creature.

Amarlo
Dio ha fatto di me, e tu e ogni altro uomo o donna che abbia mai vissuto o che vivrà, per amarlo. La parola amore ha purtroppo perso gran parte del suo significato più profondo oggi quando la usiamo come sinonimo di piacere o addirittura non odio . Ma anche se facciamo fatica a capire cosa significa veramente l’amore, Dio lo capisce perfettamente. Non solo è l’amore perfetto; ma il suo amore perfetto sta nel cuore stesso della Trinità. Un uomo e una donna diventano “una sola carne” quando uniti nel Sacramento del matrimonio ; ma non raggiungono mai l’unità che è l’essenza del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

Ma quando diciamo che Dio ci ha fatto amare, intendiamo che ci ha fatto condividere l’amore che le Tre Persone della Santissima Trinità hanno l’una per l’altra. Attraverso il Sacramento del Battesimo , le nostre anime sono infuse di grazia santificante, la vita stessa di Dio. Man mano che questa grazia santificante aumenta attraverso il Sacramento della Cresima e la nostra cooperazione con la Volontà di Dio, siamo attratti ulteriormente dalla Sua vita interiore, nell’amore che Padre, Figlio e Spirito Santo condivide e che abbiamo assistito nel piano di Dio per la salvezza:

“Perché Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, così che chiunque crede in lui non perisca, ma possa avere la vita eterna” ( Giovanni 3:16 ).
Servirlo
La creazione non solo manifesta l’amore perfetto di Dio, ma la sua bontà. Il mondo e tutto ciò che è in esso gli è ordinato; ecco perché, come abbiamo discusso in precedenza, possiamo arrivare a conoscerlo attraverso la sua creazione. E collaborando al Suo piano per la creazione, ci avviciniamo a Lui.

Questo è ciò che significa “servire” Dio. Per molte persone oggi, la parola servire ha connotazioni sgradevoli; ci pensiamo in termini di una persona minore che serve una maggiore, e nella nostra epoca democratica, non possiamo sopportare l’idea di gerarchia. Ma Dio è più grande di noi – ci ha creati e ci sostiene nell’essere, dopo tutto – e sa cosa è meglio per noi. Nel servirlo, serviamo anche noi stessi, nel senso che ognuno di noi diventa la persona che Dio desidera che siamo.

Quando scegliamo di non servire Dio, quando pecchiamo, disturbiamo l’ordine della creazione. Il primo peccato – il peccato originale di Adamo ed Eva – portò morte e sofferenza nel mondo. Ma tutti i nostri peccati – mortali o veniali, maggiori o minori – hanno un effetto simile, sebbene meno drastico.

Essere felici con lui per sempre
Questo a meno che non stiamo parlando dell’effetto che quei peccati hanno sulle nostre anime. Quando Dio ha creato me e te e tutti gli altri, intendeva che noi fossimo attratti dalla vita stessa della Trinità e godessimo la felicità eterna. Ma ci ha dato la libertà di fare quella scelta. Quando scegliamo di peccare, neghiamo di conoscerlo, rifiutiamo di restituire il Suo amore con l’amore del nostro e dichiariamo che non Lo serviremo. E rifiutando tutte le ragioni per cui Dio ha creato un uomo, rifiutiamo anche il Suo piano ultimo per noi: essere felici con Lui per sempre, in Cielo e nel mondo a venire.

Articoli correlati