Devozione alla Madonna: conosci la devozione allo scapolare verde?

Dieci anni dopo il grande dono della Medaglia Miracolosa per mezzo di Sta Caterina Labouré, la SS. Vergine, il 28 gennaio 1840, portava ad un’altra umile Figlia della Carità lo scapolare del suo Cuore immacolato.

Veramente è detto «scapolare» in modo improprio, perché non è l’abitino di una confraternita, ma semplicemente l’unione di due pie immagini, cucite sopra un sol pezzo di panno verde, con un nastrino dello stesso colore per appuntarlo.

Eccone l’origine.

Suor Giustina Bisqueyburu (1817-1903)

Nacque in Francia a Mauléon (Bassi Pirenei) l’11 no­vembre 1817, in una famiglia benestante e fu educata alla pietà e alla nobiltà d’animo. A 22 anni, però, disse risolutamente addio al mondo e a quanto una vita agiata le prometteva, per seguire il Signore e servire i poveri tra le Figlie della Carità di S. Vincenzo De Paoli.

Giunse a Parigi in compagnia del p. Giovanni Aladel, il prudente direttore di Sta Caterina Labouré e, compiuto il suo noviziato alla casa-madre, fu applicata alla scuola a Bla­gny (Senna inferiore).

Passò quindi a Versailles per il servizio degli ammalati e poi, nel 1855, la troviamo a Costantinopoli con un gruppo di consorelle, per curare i soldati feriti nella guerra di Crimea.

Nel 1858 l’ubbidienza le affida la direzione del grande ospedale militare di Dey (Algeri), ufficio che tenne per nove anni.

Richiamata dall’Africa, prestò servizio ai soldati ammalati e feriti dell’Armata Pontificia a Roma e poi fu trasferita all’ospedale di Carcassona in Provenza. Dopo 35 anni di abnegazione e di carità verso i malati, andò a godere la giusta ricompensa in cielo, il 23 settembre 1903.

Le sue ultime parole furono: «Amate la SS. Vergine, amatela molto. È così bella!», senza fare il minimo cenno alle compagne circa le rivelazioni di cui la Madonna l’aveva favorita.

Le apparizioni della SS. Vergine

Suor Giustina era giunta a Parigi il 27 novembre 1839, troppo tardi per partecipare al grande ritiro che era termi­nato qualche giorno prima. Dovette quindi attendere il riti­ro di gennaio 1840 per «entrare in vocazione», come si diceva allora.

Fu nella sala del ritiro, dove campeggiava una bella sta­tua della Madonna, ricca di storia, che la suora ebbe la prima manifestazione della Mamma Celeste, il 28 gennaio 1840 (Cfr. Appendice: Nostra Signora della Missione).

Indossava una lunga veste bianca – raccontò più tardi la suora -, e un manto celeste senza velo. Aveva i capelli sparsi sulle spalle e teneva nella mano destra il suo Cuore Immacolato, sormontato da fiamme simboliche.

L’apparizione si ripeté più volte durante i mesi del noviziato, senza che la Madonna si esprimesse in alcun modo, tanto che la veggente interpretò questi favori celesti come un dono personale, al semplice scopo di aumentare in lei la devozione al Cuore Immacolato di Maria.

L’8 settembre, invece, la SS. Vergine completò il suo messaggio di misericordia ed espresse il suo volere. Suor Giustina si trovava già da qualche tempo nella casa di Blagny.

L’atteggiamento di Maria era quello delle altre manifestazioni con il Cuore Immacolato nella mano destra. Nella mano sinistra, però, reggeva uno scapolare, o meglio un «medaglione» di panno verde, con un nastro dello stesso colore. Nella faccia anteriore del medaglione era raffigurata la Madonna, mentre nella faccia posteriore campeggiava il suo Cuo­re, trafitto da una spada, raggiante di luce come se fosse di cristallo e circondato dalle significative parole: «Cuore Immacolato di Maria, pregate per noi adesso e nell’ora della nostra morte!».

Era un sol pezzo di stoffa verde di forma rettangolare e di mediocre grandezza.

Una voce distinta fece capire alla veggente il desiderio della Madonna: confezionare e diffondere lo scapolare e la giaculatoria, per ottenere la guarigione degli ammalati e la conversione dei peccatori, specialmente in punto di morte. In successive manifestazioni simili a questa, le mani della SS. Vergine si riempirono di raggi splendenti, che piovevano verso terra, come nelle apparizioni della Medaglia Miracolosa, simbolo delle grazie che Maria ottiene da Dio per noi. Quando Suor Giustina si decise a parlare di queste cose e del desiderio della Madonna al p. Aladel, ovviamente lo trovò molto prudente o addirittura scettico.

Condizioni richieste

Passò del tempo, ma poi finalmente, dopo una prima approvazione forse soltanto orale, fatta dall’Arcivescovo di Parigi, Mons. Affre, si cominciò a confezionare lo scapolare e ad usarlo privatamente, ottenendo conversioni insperate. Nel 1846, il p. Alabel espose alla veggente alcune difficoltà insorte e la pregò di chiederne la soluzione alla Ma­donna stessa. In particolare si desiderava sapere se lo scapolare dovesse essere benedetto con facoltà e formula speciale, se dovesse essere «imposto» liturgicamente, e se le persone che lo avessero portato piamente, dovessero fare partico­lari pratiche e preghiere quotidiane.

La SS. Vergine, l’8 settembre 1846, rispose con una nuova apparizione a Suor Giustina, suggerendo quanto segue:

1) Non trattandosi di un vero e proprio scapolare, ma soltanto di una pia immagine, qualsiasi sacerdote può benedirlo.

2) Non deve essere imposto liturgicamente.

3) Nessuna particolare preghiera quotidiana è richiesta. Basta ripetere con fede la giaculatoria: «Cuore Immacolato di Maria, pregate per noi adesso e nell’ora della nostra morte!».

4) Nel caso che l’ammalato non possa o non voglia pregare, chi lo assiste preghi per lui con la giaculatoria, mentre lo scapolare si può mettere, anche a sua insaputa, sotto il cuscino, tra i suoi abiti, nella sua cameretta. L’essenziale è di accompagnare l’uso dello scapolare con la preghiera e con grande amore e fiducia nella intercessione della SS. Vergine. Le grazie sono commisurate al grado di confidenza.

Quindi non si tratta di una cosa «magica», ma di un og­getto materiale benedetto, che deve suscitare nel cuore e nella mente sentimenti di penitenza e di amore per Dio e la Vergine Santa e perciò di conversione.

Articoli correlati