I passaggi che devi fare per una confessione migliore

Proprio come la Comunione quotidiana dovrebbe essere l’ideale per i cattolici, la frequente ricezione del Sacramento della Confessione è essenziale nella nostra lotta contro il peccato e nella nostra crescita nella santità.

Per troppi cattolici, tuttavia, la Confessione è qualcosa che facciamo il meno frequentemente possibile e, dopo che il sacramento è finito, potremmo non sentirci come facciamo quando abbiamo ricevuto degnamente il Sacramento della Santa Comunione . Questo non è a causa di un difetto nel sacramento, ma a causa di un difetto nel nostro approccio alla Confessione. Avvicinati correttamente, con una preparazione di base, possiamo trovarci desiderosi di prendere il Sacramento della Confessione come dobbiamo ricevere l’ Eucaristia .

Ecco sette passaggi che ti aiuteranno a fare una Confessione migliore e ad abbracciare pienamente le grazie offerte da questo sacramento.

1. Vai alla confessione più spesso
Se la tua esperienza di Confessione è stata frustrante o insoddisfacente, questo può sembrare uno strano consiglio. È come il contrario di quella vecchia battuta:

“Dottore, fa male quando mi colpisco qui. Cosa devo fare?”
“Smetti di frugarti.”
D’altra parte, come tutti abbiamo sentito, “la pratica rende perfetti” e non farai mai una Confessione migliore a meno che tu non stia effettivamente andando a Confessione. I motivi per cui spesso evitiamo la confessione sono precisamente i motivi per cui dovremmo andare più spesso:

Non ricordo tutti i miei peccati;
Mi innervosisco quando entro nel confessionale;
Temo che dimenticherò qualcosa;
Non sono sicuro di cosa dovrei o non dovrei confessare.

La Chiesa ci impone di andare alla confessione una volta all’anno, in preparazione al nostro dovere pasquale ; e, naturalmente, dobbiamo andare alla confessione prima di ricevere la comunione ogni volta che siamo consapevoli di aver commesso un peccato grave o mortale.

Ma se vogliamo trattare la Confessione come uno strumento di crescita spirituale, dobbiamo smettere di vederla semplicemente in una luce negativa – qualcosa che facciamo solo per purificarci. La confessione mensile, anche se siamo solo consapevoli dei peccati minori o veniali, può essere una grande fonte di grazie e può aiutarci a concentrare i nostri sforzi su aree trascurate della nostra vita spirituale.

E se stiamo cercando di superare la paura della confessione o di lottare con un particolare peccato (mortale o veniale), andare alla confessione settimanalmente per un po ‘può essere di grande aiuto. Infatti, durante le stagioni penitenziali della Quaresima e dell’Avvento della Chiesa , quando le parrocchie offrono spesso tempi supplementari per la confessione, la confessione settimanale può essere di grande aiuto nella nostra preparazione spirituale per Pasqua e Natale .

2. Prenditi il ​​tuo tempo
Troppo spesso mi sono avvicinato al Sacramento della Confessione con tutta la preparazione che avrei potuto fare se avessi ordinato fast food da un drive-through. In effetti, poiché sono confuso e frustrato dai menu nella maggior parte dei fast-food, di solito mi assicuro di sapere con largo anticipo cosa voglio ordinare.

Ma la confessione? Rabbrividisco nel pensare al numero di volte in cui mi sono precipitato a raggiungere la chiesa pochi minuti prima che finisse il tempo della Confessione, pronunciò una rapida preghiera allo Spirito Santo per aiutarmi a ricordare tutti i miei peccati, e poi mi tuffai nel confessionale prima ancora di capire da quanto tempo era passato dalla mia ultima confessione.

Questa è una ricetta per lasciare il confessionale e poi ricordare un peccato dimenticato, o persino dimenticare quale penitenza prescrisse il sacerdote, perché eri troppo concentrato nel portare a termine la Confessione e non in quello che stavi realmente facendo.

Se vuoi fare una confessione migliore, prenditi il ​​tempo per farlo bene. Inizia la tua preparazione a casa (ne parleremo di seguito) e poi arriva abbastanza presto in modo da non essere affrettato. Trascorri un po ‘di tempo in preghiera davanti al Santissimo Sacramento prima di rivolgere i tuoi pensieri a ciò che dirai in Confessione.

Prenditi il ​​tuo tempo anche una volta entrato nel confessionale. Non c’è bisogno di affrettarsi; quando stai aspettando in fila per la confessione, può sembrare che le persone davanti a te stiano impiegando molto tempo, ma di solito non lo sono, e nemmeno tu. Se si tenta di affrettarsi, è più probabile che si dimentichino le cose che si intendeva dire, e quindi è più probabile che si sia infelici più tardi quando si ricordano di loro.

Quando la tua confessione è finita, non avere fretta di lasciare la chiesa. Se il sacerdote ti ha dato preghiere per la tua penitenza, dille lì, in presenza del Santissimo Sacramento. Se ti ha chiesto di pensare alle tue azioni o di meditare su un passaggio particolare delle Scritture, fallo così e lì. Non solo hai maggiori probabilità di completare la tua penitenza, un passo importante nella ricezione del sacramento, ma avrai anche maggiori probabilità di vedere la connessione tra la contrizione che hai espresso nel confessionale, l’assoluzione fornita dal sacerdote, e la penitenza che hai eseguito.

3. Fai un esame approfondito di coscienza
Come ho detto sopra, la tua preparazione alla Confessione dovrebbe iniziare a casa. Dovrai ricordare (almeno approssimativamente) quando è stata la tua ultima Confessione, così come i peccati che hai commesso da allora.

Per la maggior parte di noi, il ricordo dei peccati probabilmente assomiglia molto a questo: “Va bene, cosa ho confessato l’ultima volta e quante volte ho fatto queste cose dalla mia ultima confessione?”

Non c’è niente di sbagliato in questo, per quanto va. In effetti, è un ottimo punto di partenza. Ma se vogliamo abbracciare pienamente il Sacramento della Confessione, allora dobbiamo uscire dalle vecchie abitudini e guardare le nostre vite in una luce critica. Ed è qui che entra in gioco un esame approfondito della coscienza .

Il venerabile catechismo di Baltimora, nella sua lezione sul Sacramento della penitenza, fornisce una buona e breve guida per fare un esame di coscienza. Riflettendo su ciascuno dei seguenti aspetti, pensa ai modi in cui hai fatto ciò che non avresti dovuto fare o non hai fatto quello che dovresti fare:

I dieci comandamenti
I precetti della chiesa
I sette peccati capitali
I doveri del tuo stato nella vita

I primi tre sono autoesplicativi; l’ultimo richiede pensare a quegli aspetti della tua vita che ti distinguono da tutti gli altri. Ad esempio, nel mio caso, ho alcuni doveri che derivano dal fatto di essere un figlio, un marito, un padre, un editore di una rivista e uno scrittore di questioni cattoliche. Quanto bene ho svolto questi compiti? Ci sono cose che avrei dovuto fare per i miei genitori, moglie o figli che non ho fatto? Ci sono cose che non avrei dovuto fare a loro che ho fatto?Sono stato diligente nel mio lavoro e onesto nei miei rapporti con i miei superiori e subordinati? Ho trattato con dignità e carità coloro con cui sono entrato in contatto a causa del mio stato di vita?

Un esame approfondito della coscienza può scoprire abitudini del peccato che sono diventate così radicate che quasi mai ci accorgiamo o pensiamo a esse. Forse mettiamo oneri indebiti sul coniuge o sui figli o passiamo le pause caffè o le ore di pranzo a chiacchierare con i nostri colleghi sul nostro capo. Forse non chiamiamo i nostri genitori tutte le volte che dovremmo, o incoraggiamo i nostri figli a pregare. Queste cose nascono dal nostro stato particolare nella vita e, sebbene siano comuni a molte persone, l’unico modo in cui possiamo prenderne coscienza nella nostra vita è passare un po ‘di tempo a riflettere sulle nostre circostanze particolari.

4. Non trattenere
Tutti i motivi che ho citato per cui evitiamo di andare alla confessione derivano da una sorta di paura. Mentre andare più frequentemente può aiutarci a superare alcune di quelle paure, altre paure possono sollevare la loro brutta testa mentre siamo nel confessionale.

Il peggio, perché può portarci a fare una confessione incompleta, è la paura di ciò che il sacerdote potrebbe pensare quando confessiamo i nostri peccati. Questa, tuttavia, è probabilmente la paura più irrazionale che potremmo avere perché, a meno che il sacerdote che ascolta la nostra Confessione non sia nuovo di zecca, c’è una buona possibilità che qualsiasi peccato che potremmo menzionare sia uno che ha sentito molte, molte volte prima. E anche se non lo ha sentito in un confessionale, è stato preparato attraverso la sua formazione in seminario per gestire praticamente tutto ciò che potresti lanciargli.

Vai avanti; prova a scioccarlo. Non succederà. E questa è una buona cosa perché perché la tua Confessione sia completa e la tua assoluzione sia valida, devi confessare tutti i peccati mortali per tipo (cosa hai fatto) e numero (quanto spesso lo hai fatto). Dovresti farlo anche con i peccati veniali, ma se dimentichi un peccato veniale o tre, sarai comunque assolto da essi alla fine della Confessione.

Ma se ti trattieni a confessare un grave peccato, stai solo facendo del male a te stesso. Dio sa cosa hai fatto e il sacerdote non vuole altro che curare la breccia tra te e Dio.

5. Vai dal tuo stesso sacerdote
Lo so; Lo so: vai sempre alla parrocchia successiva e scegli il prete in visita se ce n’è uno disponibile. Per molti di noi, non c’è niente di più terrificante del pensiero di andare alla Confessione con il nostro stesso sacerdote. Certo, facciamo sempre una confessione privata, piuttosto che faccia a faccia; ma se riusciamo a riconoscere la voce di papà, deve essere in grado di riconoscere anche la nostra, giusto?

Non ti prenderò in giro; a meno che tu non appartenga a una parrocchia molto grande e raramente interagisca con il tuo pastore, probabilmente lo fa. Ma ricorda quello che ho scritto sopra: niente che puoi dire lo sconvolgerà. E anche se questo non dovrebbe essere il tuo problema, non penserà più male di te a causa di tutto ciò che dici in Confessione.

Pensaci: invece di stare lontano dal sacramento, sei venuto da lui e hai confessato i tuoi peccati. Hai chiesto il perdono di Dio e il tuo pastore, che agisce nella persona di Cristo, ti ha assolto da quei peccati. Ma ora siete preoccupati che si sta andando a negare ciò che Dio ha concesso a voi? Se così fosse, il tuo prete avrebbe problemi più grandi di te.

Invece di evitare il tuo prete, usa Confessione con lui a tuo vantaggio spirituale. Se sei imbarazzato a confessargli alcuni peccati, avrai aggiunto un incentivo per evitare quei peccati. Mentre alla fine vogliamo arrivare al punto in cui evitiamo il peccato perché amiamo Dio, l’imbarazzo per il peccato può essere l’inizio della vera contrizione e una ferma determinazione a modificare la tua vita, mentre la confessione anonima nella prossima parrocchia, pur essendo valida e efficace, può rendere più facile ricadere nello stesso peccato.

6. Chiedi consiglio
Se parte del motivo per cui ritieni che la Confessione sia frustrante o insoddisfacente è che ti ritrovi a confessare gli stessi peccati più e più volte, non esitare a chiedere consiglio al tuo confessore. A volte, lo offrirà senza che te lo chieda, specialmente se i peccati che hai confessato sono spesso abituali.

Ma se non lo fa, non c’è niente di sbagliato nel dire: “Padre, ho lottato con [il tuo particolare peccato]. Cosa posso fare per evitarlo?”

E quando risponde, ascolta attentamente e non scartare i suoi consigli. Potresti pensare, ad esempio, che la tua vita di preghiera vada bene, quindi se il tuo confessore ti suggerisce di trascorrere più tempo in preghiera, potresti essere incline a considerare i suoi consigli altrettanto significativi ma inutili.

Non pensare in quel modo. Qualunque cosa egli suggerisca, fallo. L’atto stesso di cercare di seguire i consigli del tuo confessore può essere una collaborazione con grazia. Potresti essere sorpreso dai risultati.

7. Modifica la tua vita
Le due forme più popolari dell’Atto di Contrizione finiscono con queste linee:

Decido fermamente, con l’aiuto della tua grazia, di confessare i miei peccati, di fare penitenza e di modificare la mia vita.
E:

Decido fermamente, con l’aiuto della Tua grazia, di non peccare più e di evitare la prossima occasione del peccato.
Recitare l’atto di contrizione è l’ultima cosa che facciamo nel confessionale prima di ricevere l’assoluzione dal sacerdote. Eppure quelle ultime parole svaniscono troppo spesso dalle nostre menti non appena facciamo un passo indietro attraverso la porta confessionale.

Ma una parte essenziale della confessione è la sincera contrizione, e ciò include non solo il dispiacere per i peccati che abbiamo commesso in passato, ma anche la decisione di fare tutto il possibile per evitare di commettere questi e altri peccati in futuro. Quando trattiamo il sacramento della confessione come un semplice medicinale – curando il danno che abbiamo fatto – e non come una fonte di grazia e forza per farci proseguire sulla retta via, siamo più propensi a ritrovarci nel confessionale , recitando ancora una volta quegli stessi peccati.

Una Confessione migliore non finisce quando lasciamo il confessionale; in un certo senso, inizia una nuova fase di Confessione. Essere consapevoli della grazia che abbiamo ricevuto nel sacramento e fare del nostro meglio per cooperare con quella grazia evitando non solo i peccati che abbiamo confessato, ma tutti i peccati, e in effetti anche le occasioni di peccato , è il modo migliore per assicurarci che ho fatto una buona confessione.

Pensieri finali
Mentre tutti questi passaggi possono aiutarti a fare una Confessione migliore, non devi lasciare che nessuna di esse diventi una scusa per non trarre vantaggio dal sacramento. Se sai che devi andare alla Confessione ma non hai il tempo di prepararti come dovresti o di fare un esame approfondito della coscienza, o se il tuo sacerdote non è disponibile e devi andare al prossimo Parrocchia, non aspettare. Raggiungi la confessione e decidi di fare una confessione migliore la prossima volta.

Mentre il Sacramento della Confessione, ben compreso, non si limita a curare i danni del passato, a volte dobbiamo fermare la ferita prima di poter andare avanti. Non lasciare mai che il tuo desiderio di fare una Confessione migliore ti impedisca di creare quello che devi fare oggi.

Articoli correlati