Devozione alla Trinità: i sette doni dello Spirito Santo

È difficile nominare un’altra dottrina cattolica come un’antichità sacra come i sette doni dello Spirito Santo che sono soggetti a tale benevola negligenza. Come la maggior parte dei cattolici nati intorno al 1950, ho imparato i loro nomi a memoria: “ WIS -Dom, un -derstanding, coun -sel, forte -itude, conoscere -ledge, torta di -ety, e la paura ! Del Signore” Purtroppo, però, sono stati tutti i miei compagni di classe e ho imparato, almeno formalmente, su questi misteriosi poteri che dovevano scendere su di noi alla nostra conferma. Una volta che arrivò e se ne andò il Giorno della Confermazione, fummo infastiditi nel constatare che non eravamo diventati i milionari onniscienti, onniscienti, invincibili Christi (soldati di Cristo) che la nostra catechesi pre-Vaticano II aveva promesso.

Il problema
Ironicamente, la catechesi post-Vaticano II si è dimostrata ancora meno capace di instillare nei giovani cattolici un vivace senso di ciò che sono i sette doni. Almeno l’approccio precedente aveva il vantaggio di evocare la lurida prospettiva della morte sanguinosa di un martire per mano di atei senza dio. Ma, ahimè, una tale pedagogia militante è uscita dalla finestra dopo il Concilio. Ma un flusso di rapporti negli ultimi decenni sul declino dell’interesse per la fede tra i nuovi confermandi suggerisce che i cambiamenti non stanno avendo l’effetto desiderato. Non che non ci fossero cimici nella macchina catechetica pre-Vaticano II – ce n’erano in abbondanza – ma un simile armamentario superficiale non ha nemmeno iniziato ad affrontarli.

Un recente articolo in Studi teologici del reverendo Charles E. Bouchard, OP, presidente dell’Istituto di teologia dell’Aquinas a St. Louis, nel Missouri (“Recupero dei doni dello Spirito Santo nella teologia morale”, settembre 2002), identifica alcuni debolezze specifiche nella catechesi cattolica tradizionale sui sette doni:

Trascuratezza della stretta connessione tra i sette doni e le virtù cardinali e teologali (fede, speranza, carità / amore, prudenza, giustizia, fortezza / coraggio e temperanza), che lo stesso S. Tommaso d’Aquino aveva sottolineato nella sua trattazione della materia
Una tendenza a relegare i sette doni nel regno esoterico della spiritualità ascetica / mistica piuttosto che nel regno pratico e terreno della teologia morale, che l’Aquinate aveva indicato era la loro sfera appropriata
Una forma di elitarismo spirituale per cui lo studio più approfondito della teologia dei doni era riservato ai sacerdoti e ai religiosi, i quali, presumibilmente, a differenza delle masse illetterate, avevano il necessario apprendimento e la spiritualità per apprezzarlo e assimilarlo
Trascuratezza delle basi scritturali della teologia dei doni, in particolare di Isaia 11, dove i doni erano originariamente identificati e applicati profeticamente a Cristo
Il Catechismo della Chiesa Cattolica del 1992 aveva già affrontato alcune di queste questioni (come l’importanza delle virtù e il rapporto tra i doni e la “vita morale”) ma evitava di definire i singoli doni o addirittura di trattarli in ogni dettaglio – un solo sei paragrafi (1285-1287, 1830-1831 e 1845), rispetto ai quaranta sulle virtù (1803-1829, 1832-1844). Forse è per questo che i libri di testo catechetici sono apparsi sulla scia del nuovo Catechismo presentare un insieme così confuso di definizioni dei doni. Queste definizioni tendono ad essere imprecise rehashings delle tradizionali definizioni tomistiche o definizioni totalmente ad hoc tratte dall’esperienza personale dell’autore o dall’immaginazione. Alla luce di questi sviluppi, è utile rivedere la tradizionale spiegazione della Chiesa dei sette doni.

La spiegazione tradizionale
I sette doni dello Spirito Santo sono, secondo la tradizione cattolica, tratti di carattere eroico che solo Gesù Cristo possiede nella loro pienezza, ma che condivide liberamente con i membri del suo corpo mistico (cioè la sua Chiesa). Questi tratti sono infusi in ogni cristiano come dotazione permanente al suo battesimo, alimentato dalla pratica delle sette virtù e sigillato nel sacramento della confermazione. Sono anche conosciuti come i doni santificanti dello Spirito, perché servono allo scopo di rendere docili i destinatari ai suggerimenti dello Spirito Santo nelle loro vite, aiutandoli a crescere in santità e rendendoli adatti al cielo.

La natura dei sette doni è stata discussa dai teologi sin dalla metà del II secolo, ma l’interpretazione standard è stata quella che San Tommaso d’Aquino ha elaborato nel XIII secolo nella sua Summa Theologiae :

La saggezza è sia la conoscenza e il giudizio su “cose ​​divine” e la capacità di giudicare e dirigere le cose umane secondo la verità divina (I / I.1.6; I / II.69.3; II / II.8.6; II / II.45.1 -5).
La comprensione è penetrazione dell’intuizione nel cuore stesso delle cose, specialmente quelle verità superiori che sono necessarie per la nostra salvezza eterna – in effetti, la capacità di “vedere” Dio (I / I.12.5; I / II.69.2; II / II. 8,1-3).
Il consiglio permette a un uomo di essere diretto da Dio in questioni necessarie per la sua salvezza (II / II.52.1).
La fortezza denota una fermezza mentale nel fare il bene e nell’evitare il male, in particolare quando è difficile o pericoloso farlo, e nella fiducia di superare tutti gli ostacoli, anche mortali, in virtù della certezza della vita eterna (I / II. 61.3; II / II.123.2; II / II.139.1).
La conoscenza è la capacità di giudicare correttamente su questioni di fede e di retta azione, in modo da non allontanarsi mai dalla retta via della giustizia (II / II.9.3).
La pietà è, principalmente, riverire Dio con affetto filiale, pagando il culto e il dovere verso Dio, dando il dovuto dovere a tutti gli uomini a causa della loro relazione con Dio, e onorando i santi e non contraddittorie Scritture. La parola latina pietas denota la riverenza che diamo a nostro padre e al nostro paese; poiché Dio è il Padre di tutti, il culto di Dio è anche chiamato pietà (I / II.68.4; II / II.121.1).
La paura di Dio è, in questo contesto, un timore “filiale” o casto per cui noi veneriamo Dio ed evitiamo di separarci da lui – al contrario della paura “servile”, per cui temiamo la punizione (I / II.67.4; II / II.19.9 ).
Questi doni, secondo Tommaso d’Aquino, sono “abitudini”, “istinti” o “disposizioni” fornite da Dio come soprannaturale che aiuta l’uomo nel processo della sua “perfezione”. Consentono all’uomo di trascendere i limiti della ragione umana e della natura umana e partecipare alla vita stessa di Dio, come Cristo ha promesso (Giovanni 14:23). L’Aquinate ha insistito sul fatto che sono necessari per la salvezza dell’uomo, che non può ottenere da solo. Servono a “perfezionare” le quattro virtù cardinali o morali (prudenza, giustizia, fortezza e temperanza) e le tre virtù teologali (fede, speranza e carità). La virtù della carità è la chiave che sblocca il potere potenziale dei sette doni, che possono (e vogliono) giacciono dormienti nell’anima dopo il battesimo, a meno che non si agisca così.

Poiché “la grazia costruisce sulla natura” (ST I / I.2.3), i sette doni funzionano sinergicamente con le sette virtù e anche con i dodici frutti dello Spirito e le otto beatitudini. L’emergere dei doni è favorito dalla pratica delle virtù, che a loro volta sono perfezionate dall’esercizio dei doni. Il corretto esercizio dei doni, a sua volta, produce i frutti dello Spirito nella vita del cristiano: amore, gioia, pace, pazienza, gentilezza, bontà, generosità, fedeltà, mitezza, modestia, autocontrollo e castità ( Galati 5: 22-23). L’obiettivo di questa cooperazione tra virtù, doni e frutti è il raggiungimento dello stato di beatitudine otto volte descritto da Cristo nel discorso della montagna (Mt 5: 3-10).

L’Arsenale Spirituale
Invece di perpetuare un approccio strettamente tomista o un approccio basato su definizioni contemporanee e culturalmente condizionate, propongo un terzo modo di comprendere i sette doni, uno che riprende il materiale biblico di origine.

Il primo e unico posto nell’intera Bibbia in cui queste sette qualità speciali sono elencate insieme è Isaia 11: 1-3, in una famosa profezia messianica:

Verrà fuori un germoglio dal ceppo di Iesse, e un ramo germoglierà dalle sue radici. E lo Spirito del Signore riposerà su di lui, lo spirito di saggezza e comprensione, lo spirito di consiglio e potenza, lo spirito di conoscenza e il timore del Signore. E il suo diletto sarà nel timore del Signore.

Praticamente ogni commentatore sui sette doni negli ultimi due millenni ha identificato questo passaggio come la fonte dell’insegnamento, eppure nessuno ha notato quanto questi sette concetti fossero integri all’antica tradizione di “saggezza” israelita, che si riflette in tali libri dell’Antico Testamento come Giobbe, Proverbi, Ecclesiaste, Cantico dei Cantici, Salmi, Ecclesiastico e Saggezza di Salomone, così come certe parti dei libri profetici, incluso Isaia. Questo materiale si concentra su come navigare le esigenze etiche della vita quotidiana (economia, amore e matrimonio, educazione dei figli, relazioni interpersonali, uso e abuso del potere) piuttosto che i temi storici, profetici o mitici / metafisici solitamente associati al Vecchio Testamento. Non contraddice questi altri.

È da questo mondo di preoccupazioni pratiche, pragmatiche e quotidiane, piuttosto che dal regno dell’esperienza ascetica o mistica, che sono emersi i sette doni, e il contesto di Isaia 11 rafforza questo quadro di riferimento. L’equilibrio di Isaia descrive nei dettagli amorevoli l’aggressività con cui il “germoglio di Jesse” stabilirà il suo “regno pacifico” sulla terra:

Non giudicherà in base a ciò che vedono i suoi occhi, o deciderà in base a ciò che sentono le sue orecchie; ma con giustizia giudicherà i poveri e deciderà con equità per i mansueti della terra; e colpirà la terra con la verga della sua bocca, e con l’alito delle sue labbra ucciderà i malvagi. . . . Non feriranno o distruggeranno in tutto il mio santo monte; poiché la terra sarà piena della conoscenza del Signore come le acque coprono il mare. (Is 11: 3-4, 9)

Stabilire questo regno implica pensiero, pianificazione, lavoro, lotta, coraggio, perseveranza, perseveranza, umiltà, cioè sporcarsi le mani. Questa prospettiva terrena è proficua da cui osservare il ruolo che i sette doni svolgono nella vita dei cristiani maturi (o in età matura).

C’è una tensione all’interno del cattolicesimo, come nel cristianesimo in generale, che si concentra sull’aldilà con l’esclusione – e il danno – di questo mondo, come se il distacco dalle cose temporali fosse solo una garanzia di vita eterna. Uno dei correttivi di questo tipo di pensiero emanato dal Concilio Vaticano II è stato il recupero dell’enfasi biblica sul regno di Dio come una realtà concreta che non solo trascende l’ordine creato ma anche lo trasforma ( Dei Verbum 17; Lumen Gentium 5; Gaudium et spes 39).

I sette doni sono risorse indispensabili nella lotta per stabilire il regno e sono, in un certo senso, un sottoprodotto di impegnarsi attivamente nella guerra spirituale. Se una persona non si preoccupa di equipaggiarsi adeguatamente per la battaglia, non dovrebbe sorprendersi di trovarsi senza difese quando la battaglia viene portata alla sua porta di casa. Se i miei compagni di classe e io non avessimo mai “acquisito” i “misteriosi poteri” che avevamo anticipato, forse è perché non abbiamo mai preso le armi nella lotta per far progredire il regno di Dio!

I sette doni sono una dotazione alla quale ogni cristiano battezzato può vantare sin dalla più tenera infanzia. Sono il nostro patrimonio. Questi doni, dati nei sacramenti per consentirci di svilupparci attraverso l’esperienza, sono indispensabili per il buon andamento dello stile di vita cristiano. Non appaiono spontaneamente e dal nulla ma emergono gradualmente come il frutto di una vita virtuosa. Né sono ritirati dallo Spirito quando non sono più necessari, poiché sono perpetuamente necessari finché combattiamo la buona battaglia.

I sette doni sono progettati per essere usati nel mondo allo scopo di trasformare quel mondo per Cristo. Isaia 11 descrive vividamente a cosa servono questi doni: fare ciò che si è chiamati a fare nel proprio tempo e luogo per far progredire il regno di Dio. I dettagli specifici e personali di quella chiamata non vengono messi a fuoco finché non si è realizzato il suo posto molto limitato e non-eguale nello schema delle cose (paura del Signore), accettato il ruolo di membro della famiglia di Dio (pietà) e acquisito l’abitudine di seguire le specifiche indicazioni del Padre per vivere una vita divina (conoscenza). Questa familiarità con Dio genera la forza e il coraggio necessari per affrontare il male che inevitabilmente si incontra nella propria vita (fortezza) e l’astuzia per spostare agilmente le proprie strategie per eguagliare – anche anticipare – le molte macchinazioni del Nemico (consigliere).

Soldati di Cristo
Queste considerazioni sono rivolte principalmente ai cattolici della culla adulta che, come me, non erano sufficientemente catechizzati (almeno per quanto riguarda i sette doni). A causa delle continue polemiche nella Chiesa in generale per l’età giusta per ricevere il sacramento della confermazione, il malessere di una catechesi inadeguata continuerà probabilmente ad affliggere i fedeli. La mancanza di attenzione al rapporto sinergico tra le virtù e i doni sembra essere il principale colpevole nel mancato sviluppo dei doni tra i confermandi. La catechesi mirata solo all’acquisizione di conoscenza o semplicemente a promuovere “atti casuali di gentilezza” senza un principio organizzativo solidamente evangelico, semplicemente non la taglierà a questa (o qualsiasi altra) generazione di giovani. Centrare la preghiera, il diario, la meditazione guidata o una qualsiasi delle altre trame pseudo-pedagogiche popolari in molti programmi catechistici attuali non possono competere con le seduzioni della cultura della morte.

Il percorso verso un’appropriazione matura dell’arsenale spirituale rappresentato dai sette doni deve essere calpestato il più presto possibile, e le sette virtù possono servire oggi, come hanno fatto per la maggior parte della storia della Chiesa, come guide eccellenti lungo quel percorso. Forse è tempo di risuscitare l’immagine tradizionale dei battezzati come “soldati di Cristo”, una frase che è stata anatema per i materiali catechistici cattolici per decenni. Nonostante il fatto che lo zeitgeist post Vaticano II Ha militato contro la nozione di “militanza” in tutte le cose religiose, questa posizione è stata dimostrata essere fuorviata – da una valutazione onesta di ciò che la Sacra Scrittura ha da dire su di esso e dagli eventi mondiali nel corso della nostra vita. Il rovesciamento dell’Unione Sovietica, per esempio, non sarebbe avvenuto senza la militanza nonviolenta di Giovanni Paolo II nel perseguimento di un obiettivo legittimo. I sette doni dello Spirito Santo sono le nostre armi spirituali per la guerra spirituale della vita quotidiana.

Articoli correlati